Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

IN PERICOLO IL RALLYE DELL’ELBA: “TURBA L’AMBIENTE POLITICO ED ECOLOGICO”

PER IL DIRETTORE DELL'ACI DI LIVORNO "LA MANIFESTAZIONE HA UN DIFFICILEL RAPPORTO CON LA CITTADINANZA". L’ASSOCIAZIONE AMICI DEL RALLYE ISOLA D’ELBA: “SIAMO SORPRESI E PERPLESSI. I SINDACI SONO FAVOREVOLI E I CITTADINI PARTECIPANO NUMEROSI. NON PERDIAMO QUESTA MANIFESTAZIONE DI VALORE E PREGIO STORICO”

IN PERICOLO IL RALLYE DELL’ELBA: “TURBA L’AMBIENTE POLITICO ED ECOLOGICO”

Si ripropone anche quest’anno quella che è ormai diventata la consueta disputa sul Rallye dell’Isola d’Elba.
Il Presidente dell’Associazione “Amici del Rallye Isola d’Elba”, Nino Spada, ha scritto al Direttore dell’ACI, l’Automobil Club di Livorno, Giuseppe Miceli, per esprimere sorpresa e perplessità. Miceli infatti aveva parlato di una manifestazione che reca “turbamento dell’ambiente politico ed ecologico”, e dei “difficili rapporti con la cittadinanza che si sono venuti a creare all’Elba”.
Siamo oltremodo sorpresi e perplessi –scrive Spada, che si rivolge anche a tutti i Sindaci elbani e ai responsabili delle varie forze politiche: “E’ assolutamente fuori luogo parlare di turbamento all’ambiente politico ed ecologico, e di difficili rapporti con la cittadinanza. I Sindaci elbani sono favorevoli alla manifestazione, e la popolazione in ogni edizione è sempre stata presente e numerosa”.
“Il Rallye auto storiche e quello Graffiti sono certamente due manifestazioni importanti e ben accette, -scrive Spada- ma il Rallye dell’Isola d’Elba ha una valenza enormemente maggiore ed un pregio storico di grande risonanza, tanto che le associazioni di categoria, in primo luogo l’Associazione albergatori, hanno profuso notevoli energie nella promozione e realizzazione dei rallye passati, che tanta importanza hanno avuto per il sistema turistico elbano.”