Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

LE VEGLIE DI SCIAMBERE

"DELLE CHIACCHIERE E DELLE COSE SERIE". SI' E' VERO, FINORA AVETE FATTO SENTIRE SOLO CHIACCHIERE, PARLATECI FINALMENTE DI COSE SERIE!

Durante le sue veglie, che ci dicono lunghe e tormentate, i pensieri di Sciambere vengono spesso visitati da angoscianti fantasmi, che ne turbano la quiete. Un tempo erano Mao Tse-Tung e Che Guevara ad occupare le sue meditazioni notturne, oggi è la tutela della legge. E’ strano come si cambia nella vita! Prima la legalità era un valore piccolo-borgese, al quale si doveva contrapporre la rottura rivoluzionaria (con i suoi tristi corollari dell’arbitrio e dell’ingiustizia). Oggi sembra che la preoccupazione maggiore sia la tutela di quell’ordine borghese un tempo così aborrito. E lo è fino al punto da dare credito, in modo del tutto acritico, a tutte le illazioni, ultima la sortita di quella Fondazione Caponnetto che, almeno qui all’Elba, si è caratterizzata per uno smisurato livore ed un’intolleranza senza limiti. Ne sanno qualcosa quei cittadini di Rio Marina che, durante una conferenza della Fondazione, hanno “osato” dissentire, molto educatamente, da tutta una sequela di sproloqui giustizial-girotondini pronunciati dagli oratori. Sono stati insultati e minacciati di allontanamento dalla sala.

Cosa ci dicono Sciambere e la Fondazione di così illuminante? Che all’Elba si commettono reati. Bene… cioè male! Siamo anche noi come il resto del mondo! Allora studiamo attentamente la situazione, magari affidando il caso al famoso “Osservatorio Giaconi” perché, oltre agli attributi dei felini, monitorizzi attentamente anche queste devianze.

Forse da un più attento esame apprenderemmo che la stragrande maggioranza dei fatti denunciati non riguardano l’Elba, se non di striscio; e che i famosi personaggi, autori dei presunti fatti criminosi di cui si discute nelle aule giudiziarie e fuori, sono al novanta per cento estranei alla realtà isolana.

Vale, quindi, la pena di tenere costantemente l’Elba sotto la gogna mediatica per un fenomeno comune a mezzo mondo?

NANNI GIOIELLO