Quantcast
FIRMATO IL PROTOCOLLO D'INTESA PER LA BONIFICA DELLE AREE INDUSTRIALI DI PIOMBINO - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA PER LA BONIFICA DELLE AREE INDUSTRIALI DI PIOMBINO

INDIVIDUATE PRIORITA' E RISORSE. OLTRE 27 MILIONI DI EURO DAL MINISTERO. MATTEOLI: "SI PORTA A TERMINE UN PERCORSO LUNGO E IMPORTANTE PER CITTA E AZIENDA". FRANCI: "L'ATTENZIONE DELLA REGIONE PER LA VAL DI CORNIA"

Ministero dell’Ambiente, Regione Toscana, Provincia di Livorno, Comune di Piombino e Lucchini hanno firmato oggi pomeriggio un protocollo d’intesa per il miglioramento delle condizioni dell’area industriale e portuale di Piombino.
Il documento è un atto di impegno per la realizzazione di un programma di interventi di miglioramento e riqualificazione ambientale. Stabilisce che subito dopo la sottoscrizione la Lucchini dia immediata e piena attuazione ad un primo pacchetto di interventi, già individuato in uno specifico allegato, per il miglioramento impiantistico e ambientale, predisponendo degli aggiornamenti mensili sul loro stato di avanzamento. Entro 3 mesi l’azienda dovrà provvedere alla redazione di uno studio ambientale iniziale sulla problematica delle emissioni atmosferiche, mentre avrà un anno di tempo per predisporre il proprio sistema di gestione ambientale con l’impegno di presentare all’Autorità competente entro il 31 dicembre 2008 quanto necessario ai fini della certificazione Emas.
Il “programma di riqualificazione”, che dovrà essere oggetto di un successivo accordo di programma, riguarda in primo luogo la rilocalizzazione del cantiere “Siderco” in collegamento con la realizzazione della piattaforma TAP, e lo spostamento dei “carbonili” in un’area che risponda alle esigenze sia dell’attività siderurgica sia dello sviluppo futuro delle attività portuali. Gli altri punti da attuare sono il miglioramento delle condizioni ambientali per le borgate di Cotone e Poggetto, lo sviluppo del porto commerciale e dell’ipotesi della rete di autostrade del mare, l’adeguamento delle infrastrutture viarie per l’accesso al porto e il raccordo con la mobilità locale. Altri interventi e azioni dovranno riguardare il contenimento delle emissioni acustiche e dell’utilizzo della risorsa idrica.
Per ciascuno degli interventi ambientali il protocollo fissa le risorse disponibili.
Molto soddisfatto il Ministro dell’Ambiente, Altero Matteoli: ” Lo sforzo del Ministero è molto impotante. Ai 14 milioni di euro già stanziati se ne aggiungono altri 13, 5. E’ un lavoro iniziato tempo fa con la vecchia Amministrazione Comunale e proseguito con la nuova. Con entrambe devo dire che ho lavorato molto bene -ha detto Matteoli. Ed è un accordo importante, ha aggiunto il Ministro: con la bonifica delle aree industriali di Piombino si stabilirà finalmente un compromesso accettabile fra l’esigenze della produzione e dell’occupazione, e il diritto dei cittadini ad una vita sana”.
“La Regione -ha comentato l’Assessore all’Ambiente Franci- ha già stanziato circa 10 milioni di euro, per la realizzazione del nuovo impianto di trattamento rifiuti siderurgici della TAP, e per due interventi particolarmente rilevanti per la razionalizzazione dell’uso della risorsa idrica e per il risanamento idrogeologico. Si tratta del progetto Cornia, finalizzato a incrementare il prelievo delle acque superficiali, riducendo il prelievo da falda, e a dismettere per uso potabile i pozzi in via di salinizzazione e con alto contenuto di boro, destinandoli ad uso industriale. Sono previste anche opere di derivazione dal Cornia per rifornire di acqua gli stabilimenti Lucchini”.
Alle risorse già individuate dal Ministero dell’Ambiente e dalla Regione, si aggiungono duqnue altri 13,5 milioni di euro da parte del Ministero, e 2 milioni di euro, messi a disposizione dall’Autorità Portuale, da destinare all’acquisizione di aree di proprietà Lucchini utili per il porto.
Ad apporre la firma sul testo del protocollo sono intervenuti il Ministro dell’Ambiente Altero Matteoli, l’Assessore regionale all’Ambiente Tommaso Franci, il Sindaco di Piombino Gianni Anselmi, il Direttore generale del Ministero delle attività produttive Massimo Goti, il presidente della provincia di Livorno Giorgio Kutufà, il Presidente del Circondario della Val di Cornia Silvia Velo, il Presidente dell’Autorità Portuale Tullio Tabani, e gli amministratori delegati di Lucchini spa, Luigi Nardi, e di Lucchini Piombino spa, Giovanni Schinelli.