Misericordie: in tre giorni già quasi 400 adesioni alla campagna “Gente al servizio della gente”

La ricerca di nuovi volontari ha portato ad un risultato piacevolmente sorprendente

Misericordia

Matteo 33 anni idraulico e volontario

Un appello per accogliere nuovi volontari ed una risposta davvero inaspettata. Sono stati addirittura quasi 400 in soli tre giorni coloro che hanno dato la loro disponibilità a diventare volontari delle Misericordie.

Solo martedì scorso la Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia aveva lanciato un appello preciso con la campagna “Gente al servizio della gente”. L’obiettivo era quello di trovare forze fresche per supportare le Sorelle ed i Fratelli che già sono fortemente impegnati nell’emergenza covid. Il messaggio della campagna è molto semplice e diretto: non bisogna essere dei supereroi per aiutare chi ha bisogno. Questo semplice concetto ha colpito nel segno, visto che la risposta è andata oltre ogni aspettativa e 400 persone hanno dato la propria disponibilità.

“Siamo molto felici e piacevolmente sorpresi di questo risultato – afferma Gianluca Staderini Direttore della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia -. Per noi questo è segnale chiaro e preciso: c’è ancora voglia di mettersi in gioco ed aiutare chi ha bisogno. In cambio il Movimento delle Misericordie offrirà a questi nuovi volontari un diverso modo di affrontare i problemi, tutti insieme come una vera grande comunità. Un ringraziamento particolare lo voglio fare ai nostri testimonial, Alice, Matteo e gli altri che sono stati veramente preziosi”.

Chi ancora si volesse mettere a disposizione potrà riempire il form https://forms.gle/PGGmTtjpqJJjFSkXA, contattare il numero verde nazionale 800.194.356 o inviare una mail a gentealserviziodellagente@misericordie.org.

Indietro domenica 15 novembre 2020 @ 10:34 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus