La Capitaneria di Porto di Portoferraio sanziona le unità sottocosta e il mancato rispetto della distanza dai sub in immersione

Di Capitaneria di Porto di Portoferraio

Guardia Costiera

Foto da Guardia Costiera Portoferraio

Impegnata nell’operazione “Mare Sicuro 2020”, la Capitaneria di porto di Portoferraio, a conferma della tradizionale vocazione della Guardia costiera a garantire la sicurezza della navigazione e la salvaguardia di bagnanti, diportisti e subacquei, vede impiegate 3 unità navali di polizia marittima e 4 battelli pneumatici impiegati lungo tutto il territorio dell’Isola d’Elba, dell’Isola di Pianosa e dell’Isola di Montecristo per vigilare sul regolare svolgimento delle attività ludiche, ricreative e commerciali, nonché tutelare l’ecosistema marino, le aree sottoposte a tutela biologica e le aree sottoposte a riserva integrale.

Nell’ultimo fine settimana, l’equipaggio della Motovedetta CP 725, impegnato in attività a tutela della balneazione ed al rispetto dell’ordinanza di sicurezza balneare, ha sanzionato alcune unità da diporto che, con le loro condotte, potevano creare situazioni di grave pericolo. In particolare, i conduttori di un natante e di un’imbarcazione da diporto sono stati sanzionati per un totale di € 699,15 per aver navigato all’interno della zona di mare riservata alla balneazione, in violazione dell’ordinanza 28/2019 del 31.05.2019 della Capitaneria di Porto di Portoferraio.

Molto pericolosa, ancora, la violazione della medesima ordinanza commessa anche dal conduttore di un natante da diporto, colto a transitare troppo vicino ad un subacqueo in immersione regolarmente segnalato. Anche in questo caso è scattata la sanzione di € 240,15 con il temporaneo ritiro della dichiarazione di potenza, documento indispensabile per intraprendere il mare con un natante.

A similitudine di quanto fatto dalla Motovedetta di Polizia Marittima CP 725, nell’ultimo weekend, i militari della Guardia Costiera della postazione Mare Sicuro di Porto Azzurro con il battello pneumatico GC 097, hanno sanzionato amministrativamente 4 natanti da diporto per un totale di 918 € per aver anch’essi navigato all’interno della zona di mare riservata alla balneazione. Intanto anche sul fronte della vigilanza ambientale continua l’attività degli uomini e le donne della postazione della Guardia Costiera in servizio sull’Isola di Pianosa, nelle cui acque protette nella giornata odierna sono state sanzionate, dalla Motovedetta della Capitaneria di porto di Portoferraio ivi dislocata, ai sensi dell’articolo 2, comma 1, del DM 19.12.1997, due unità da diporto, al pagamento di una somma di euro 333 cadauna.

A violare la fascia di un miglio protetta sono state questa volta un’unità da diporto a motore di bandiera francese, trovata a mezzo miglio da punta Brigantina ed un’unità da diporto a motore di bandiera tedesca intercettata, sempre dalla M/V CP 725, a 0.8 miglia dal medesimo punto cospicuo costiero.

Con l’occasione, si tiene a sottolineare quanto la sicurezza sia importante per i fruitori del mare, osservando spesso poche e semplici norme che consentono, a tutti, di godere del nostro mare in piena sicurezza e nel rispetto degli altri fruitori balneari.

La Guardia Costiera di Portoferraio ricorda, pertanto, che la zona di mare riservata alla balneazione è fissata in 200 metri dalle spiagge e 100 metri dalle coste a picco, limite entro il quale è vietata la navigazione; mentre il transito nei pressi di subacqueo in immersione con apposito segnale è concesso alla distanza minima di 100 metri.

Foto da Guardia Costiera Portoferraio Per ogni eventuale ulteriore chiarimento, si rimanda all’ordinanza di sicurezza balneare n. 28/2019, raggiungibile e scaricabile sul sito internet della Capitaneria di porto di Portoferraio.

Indietro giovedì 30 luglio 2020 @ 12:21 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus