Firenze dedica il Giardino degli Artisti a Nano Campeggi

Di Beppe Tanelli

Artista

Nano Campeggi - Foto dell'archivio

Correva l’anno 1874 quando alcuni artisti fiorentini chiesero di poter costruire ”a miti prezzi”, i loro studi nei terreni che delimitavano a settentrione Piazzale Donatello, dove si erge la montagnola del Cimitero degli Inglesi. Presto nacque un vero quartiere di studi ed atelier, con le ampie finestre che ancora oggi caratterizzano gli edifici. In questi studi trovarono ostello anche alcuni pittori, fra i quali Gonni, al secolo Gino Gonich, che negli anni Cinquanta vennero all’ Elba e formarono il gruppo dei “Pittori delle dune“ a Procchio. Le loro opere vennero esposte anche nella mostra all’ aperto che dal secondo dopoguerra, ogni mese di giugno viene organizzata nei giardini del Piazzale di fronte agli studi.

Lunedì 29 giugno, il Sindaco del Comune di Firenze dedicherà quei Giardini a Silvano ( Nano ) Campeggi, fiorentino e pomontinco di adozione. E con Lui un altro pezzetto di Elba arricchirà i ricordi e la storia di Firenze.

Beppe Tanelli
 

Indietro giovedì 25 giugno 2020 @ 15:35 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus