Cosimo De Medici, i gruppi di opposizione chiedono trasparenza

Di I gruppi di opposizione in Consiglio Comunale a Portoferraio

Portoferraio

Comune di Portoferraio

Si è tenuta, lunedì 25 maggio alle ore 17.30, la conferenza dei capigruppo del Consiglio Comunale di Portoferraio. Una conferenza particolare dove, per la prima volta, si è vista la presenza della Giunta comunale al completo.
Il Sindaco Zini ha aperto la riunione informandoci che l’argomento che sarebbe stato affrontato era tutto, o quasi, riferito alla situazione della Cosimo de Medici, società partecipata al 100% dal comune di Portoferraio.
Ormai da dicembre il gruppo consiliare “MELONI SINDACO” chiede che, come previsto dai regolamenti, il C.d.A. della società venga in Consiglio a relazionare sulla situazione economica/finanziaria e sul piano di rilancio che necessariamente deve essere messo in campo dai nuovi amministratori per evitare alla società la messa in liquidazione. Nella riunione del 25 maggio il Sindaco ci informava che i bilanci 2018 e 2019 erano redatti e che entro il 30 giugno era necessario andare in Consiglio Comunale ad approvarli.
Nonostante le perplessità mostrate in molteplici occasioni dal consigliere comunale Luigi Lanera in diversi Consigli Comunali, come gruppi di opposizione e con spiccato senso di responsabilità, abbiamo accettato questa data chiedendo in cambio di ricevere la documentazione utile per poterne discutere in tempi brevi ed avere un incontro con il Consiglio di Amministrazione della Cosimo de Medici entro 10 giorni dalla consegna dei documenti dopodiché avremmo valutato la situazione, per completezza di informazione e massima trasparenza, il gruppo “MELONI SINDACO” aveva chiesto che l’incontro tra i capigruppo ed il CdA della Cosimo fosse trasmesso in diretta streaming, la richiesta di trasmissione in diretta è stata favorevolmente accolta anche dai consiglieri Lanera e Di Tursi che hanno condiviso il percorso indicato, anche la maggioranza pareva favorevole all’iniziativa.
Da rilevare che, secondo quanto dichiarato dal Sindaco, la società nel chiudere il bilancio 2018, dovrà portare a perdita una cifra di euro 650.000.Detta situazione debitoria si è accumulata nel tempo, a partire dagli anni 2003/2004, sino a raggiungere l'ammontare suindicato.
Sono ormai passati molti giorni, ci avviciniamo alla data del 30 giugno e, dal 25 maggio, non abbiamo più ricevuto nessuna notizia da parte del Sindaco o della Presidente del Consiglio Comunale, se non una comunicazione per PEC il 5 giugno che ci avvisa che gli atti relativi al bilancio 2019 sono depositati in segreteria, a questa comunicazione segue, a mezzo WhatsApp una richiesta, da parte del consigliere Simone Meloni, se gli atti sarebbero stati inviati per mail, la Presidente del Consiglio Delia Scotto, rispondeva che sarebbero arrivati a mezzo PEC ed ad oggi non possiamo che rilevare di non aver ricevuto niente.
Noi crediamo sia necessaria la massima trasparenza e correttezza nella gestione della Cosimo de Medici, a tutela dei suoi dipendenti ed anche delle finanze pubbliche, per questo motivo riteniamo sia necessario istituire per il futuro una commissione consiliare specifica per le società partecipate, che possa dare regole più stringenti per gli amministratori al fine di evitare che ogni decennio i contribuenti di Portoferraio debbano vedere le loro tasse impiegate per coprire perdite nei bilanci delle società partecipate.
Attendiamo con urgenza che il sindaco ci convochi per poter avere le delucidazioni relative al bilancio da approvare e auspichiamo di poter vedere quanto prima tutti i documenti, allo stesso modo auspichiamo di poter far partecipare tutti i cittadini facendo la riunione in forma pubblica e trasmettendola nei vari canali social ed internet.

I gruppi di opposizione in Consiglio Comunale a Portoferraio

Indietro giovedì 11 giugno 2020 @ 15:11 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus