ASL Toscana nord ovest nell’anno internazionale dell’infermiere e dell’ostetrica: grazie a tutti.

Di Azienda Usl Toscana nord ovest

Sanità

Condividi

Il 12 maggio 2020 ricorre il bicentenario della nascita di una donna che ha profondamente influenzato la storia dell’assistenza moderna: Florence Nightingale. Per ricordarne l’opera, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha proclamato il 2020 Anno internazionale dell’Infermiere e dell’Ostetrica.

L’obiettivo dell’OMS è ben chiaro, rafforzare l’assistenza sanitaria per arrivare a tutti. Mai come quest’anno il mondo ha compreso quanto sia importante l’universalità del sistema sanitario e quanto il ruolo degli infermieri sia centrale per garantire il diritto alla salute.

Il 2020 sarà ricordato come l’anno in cui si è compreso il valore degli infermieri. Ora davvero in tanti, forse in troppi, hanno toccato con mano la professionalità, la disponibilità, la capacità empatica nei confronti dei pazienti, di migliaia di infermieri che hanno anteposto il lavoro e il bene comune al proprio, mettendosi in gioco senza risparmiarsi.

“Anche oggi 12 maggio, in occasione della Giornata Internazionale dell’Infermiere - dicono i dirigenti infermieristici dell’Azienda USL Toscana nord ovest , Anna Reale, Luciana Traballoni, Andrea Lenzini, Chiara Pini, Moira Borgioli, Paolo Galoppini, Roberto Giuliani, Uliana Valleroni, Anna Fornari, Mirco Gregorini - vogliamo rinnovare il nostro GRAZIE a tutti i colleghi che quotidianamente e quindi anche in questi mesi particolari, hanno consolidato quel valore aggiunto legato all’assistenza e alla cura che la comunità si attende.

Il nostro biglietto da visita è l’abnegazione per la propria professione, la costante disponibilità nei confronti delle persone, il rigore nei comportamenti e i mille gesti, parole e competenze a vantaggio della collettività.

Gli infermieri si confermano tra i protagonisti di un nuovo e moderno Servizio Sanitario a misura di persona. Tra gli impegni che ci assumiamo, anche attraverso il nostro Ordine Professionale, c’è quello di definire un nuovo patto che comprenda, non solo la vicinanza, la qualità dell’assistenza e della relazione con la comunità, ma anche l’impegno costante nel trovare soluzioni per superare ostacoli e criticità. 

Il prossimo obiettivo è per noi quello di promuovere e rafforzare un innovativo modello di infermieristica di prossimità, in grado di venire incontro alle esigenze delle famiglie ed essere sempre al loro fianco, per dargli la sicurezza e la consapevolezza di non essere soli”.  

Indietro martedì 12 maggio 2020 @ 09:23 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus