Quelli del Cerboni tra...fiumi di parole...

Scritto da Emanuela De Domenico (ITCG Cerboni)

Scuola

Condividi
Foto dell'archivio

Prendo in prestito le parole di una canzone di sanremiana memoria perché tante sono le parole dette e tante ancora se ne diranno per descrivere una esperienza così trasformante…kafkiana come quella che stiamo vivendo. Già, perché se kafkiano è l’aggettivo che racchiude in una sola parola la sensazione di trovarsi all’improvviso in un mondo in cui i consueti modi di pensare e di comportarsi non funzionano più, è proprio questa la sensazione che sta permeando le nostre vite.

Si è detto tutto…cosa DOBBIAMO fare, cosa non POSSIAMO fare, come DOBBIAMO sentirci, come POSSIAMO riempire le nostre giornate. Ci sono tutorial che ci spiegano cosa fare a casa, quali giochi organizzare con i nostri figli…pulire, fare esercizio fisico, cucinare…c’è un tutorial per ogni esigenza, chi ha parole da dire le dice, le canta, le recita, e su tutto un grido…#iorestoacasa!

E a casa ci siamo anche noi …quelli del CERBONI, un variegato tesoro di studenti, famiglie, docenti e personale ATA. Ognuno nelle proprie case, al riparo da un nemico invisibile e silenzioso, con il Dirigente Scolastico che tiene unita la trama di questa storia.

Al riparo certo, ma non inermi…in guerra, ma non sconfitti…in battaglia, ma non disarmati. La nostra forza è la conoscenza! Che non si ferma, perché sarebbe come fermare il cuore pulsante della società. In questa guerra possiamo fare a meno per qualche tempo della nostra “libertà personale”, ma non possiamo smettere di esprimerci, di crescere, di respirare cultura, di arrivare fino in fondo a questa grande prova riscoprendoci migliori.

E allora onore al merito a tutti i docenti del CERBONI, quelli più avvezzi alle nuove tecnologie e quelli che si sono riscoperti dei cyber teachers (oserei tradurre “professori digitali”). Catapultati in una didattica a distanza che di distante ha solo il nome, perché il cuore e gli sforzi di questi indomiti professori sono con i loro studenti.

Non è retorica, non sono frasi fatte, d'altronde non ne abbiamo bisogno in questo momento in cui scorrono FIUMI DI PAROLE.

Sono curvi sul computer a districarsi tra le tante App, Piattaforme, Videolezioni, correggono gli esercizi, scrivono le email ai loro studenti, interagiscono con i genitori, si confrontano tra di loro. I gruppi creati sui social sono ormai innumerevoli, c’è quello tra i “Prof”, c’è quello di “Italiano”, “Inglese”, e così via…si condivide, si prova a sorridere e talvolta a sdrammatizzare, ci si fa compagnia e…si cresce insieme anche in questo momento così difficile.

Ma tutti, tutti i sacrifici vengono ricompensati da un messaggio di una studentessa che ti scrive “anche lei prof ci manca”, dall’impegno che vedi profuso dagli alunni e dai genitori che li accompagnano operosi e pazienti in questo nuovo percorso didattico, dalla constatazione che la vita va avanti, che la speranza non delude e che…#andrà tutto bene!

GRAZIE A QUELLI DEL CERBONI 

Indietro martedì 24 marzo 2020 @ 18:40 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus