Nuova Ordinanza del Sindaco Andrea Gelsi che modifica le modalità di approvvigionamento alimentare ed extra alimentare

Di Comune di Capoliveri

Capoliveri

Condividi
Andrea Gelsi - Sindaco di Capoliveri

E' stata emessa in data odierna una nuova ordinanza sindacale recante disposizione atte a contenere l'emergenza sanitaria da Covid-19. La misura, la n. 17 del 2020 adottata al Sindaco di Capoliveri, nell'introdurre più puntuali misure, modifica la precedente ordinanza n. 16, con la quale si consentiva l’approvvigionamento alimentare ed extra alimentare solamente n. 3 volte alla settimana con suddivisione del territorio comunale in due macro zone.

La nuova disposizione, in linea con il DPCM del 22 marzo u.s., al fine di evitare potenziali disagi e disservizi, dispone la possibilità di approvvigionamento alimentare per tutti i giorni di apertura al pubblico degli esercizi commerciali senza distinzione tra residenti fuori o dentro il centro urbano.

L'ordinanza tiene conto delle precedenti ordinanze sindacali, dei provvedimenti della Regione e del Governo e così dispone:

A tutti gli utenti è consentito l’approvvigionamento alimentare ed extra alimentare per tutti i giorni di apertura al pubblico delle attività commerciali ricordando comunque che è necessario attenersi all’indicazione governativa di seguito riportata.

Domanda: "È obbligatorio fare la spesa nel proprio comune di residenza o è possibile farla anche nel Comune limitrofo?” Risposta: “No, ma si deve fare la spesa nel posto più vicino possibile a casa o, per chi non lavora a casa, al luogo di lavoro. Infatti, gli spostamenti devono essere limitati allo stretto necessario sia tra Comuni limitrofi che all'interno dello stesso Comune. In ogni caso, si deve sempre rispettare rigorosamente la distanza tra le persone negli spostamenti, così come all'entrata, all'uscita e all'interno dei punti vendita. Per questa ragione la spesa è fatta di regola nel proprio Comune, dal momento che questo dovrebbe garantire la riduzione degli spostamenti al minimo indispensabile. Qualora ciò non sia possibile (ad esempio perché il Comune non ha punti vendita), o sia necessario acquistare con urgenza un bene non reperibile nel Comune di residenza o domicilio, o, ancora, il punto vendita più vicino a casa propria si trovi effettivamente nel Comune limitrofo, lo spostamento è consentito solo entro tali stretti limiti, che dovranno essere autocertificati”.

La precedente ordinanza – dichiara il Sindaco Gelsi - non voleva costituire un disagio per la cittadinanza ma l’intenzione era quella di tutelarla evitando il più possibile i contatti tra le persone anche dimezzando i clienti giornalieri delle attività commerciali con la suddivisione tra residenti dentro o fuori il centro storico. Oggi, però, si sono formati assembramenti fuori da alcune attività per cui, in via del tutto sperimentale, proviamo a ritornare al vecchio sistema e vedere cosa succede. Se la situazione diventasse insostenibile per la mancanza di senso civico e relativa autolimitazione da parte dei cittadini, non avremo remore a procedere nuovamente con provvedimenti ancora più stringenti nel contingentare l’afflusso dei clienti. Troppa gente gironzola per il paese senza alcuna motivazione se non quella di voler essere un potenziale portatore del virus all’interno della propria famiglia. Oggi – conclude il Sindaco - il mio ruolo è quello di tutelare la salute dei miei concittadini anche con atti che possono creare disagi ma che sono fondamentali per combattere questo virus che si è rivelato aggressivo e molto pericoloso”.

Il messaggio vuole e deve essere: “State a casa e non uscite se non per motivi eccezionali di estrema necessità. Se non rispettate le regole rappresentate un danno e un pericolo per tutti i vostri cari e per tutta la nostra comunità”.

Indietro martedì 24 marzo 2020 @ 18:31 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus