Le tappe di Matteo Salvini in Toscana programmate per sabato 30 Novembre

Di Lega Toscana

Lega

Condividi
Foto da Pagina FB Lega Toscana

Sarà un intenso sabato denso di appuntamenti quello che attende, domani, Matteo Salvini, Segretario Federale della Lega.

La prima tappa è prevista, intorno alle ore 14.00, all'isola d'Elba, dove a Portoferraio verrà inaugurata la locale sede del partito e ci sarà un incontro pubblico, programmato in Piazza Cavour.

Dopo l'evento elbano, Salvini si sposterà a Pisa, per visitare il carcere Don Bosco che si trova in Via San Giovanni Bosco nr. 43; un sopralluogo molto importante per verificare direttamente le condizioni della struttura e le problematiche più volte rilevate dagli agenti della Polizia Penitenziaria.

Infine, in serata, intorno alle ore 20.00, Il Segretario giungerà a Firenze, dove al Tuscany Hall in Via Fabrizio De Andrè, troverà ad attenderlo oltre 1200 persone, provenienti da tutta la Toscana. Presenti all'appuntamento fiorentino, saranno tutti i parlamentari, consiglieri regionali e comunali della Lega, mentre saranno graditi ospiti Giorgio Silli per "Cambiamo", Francesco Torselli di Fratelli d'Italia e Jacopo Cellai, in rappresentanza di Forza Italia. Significativa, poi, anche la presenza di tutti i Sindaci del Centrodestra della Toscana. Nel corso della serata, verranno anche premiate quelle persone che sono iscritte alla Lega da almeno vent'anni. Da segnalare, inoltre, che le richieste per partecipare all'incontro conviviale con Matteo Salvini erano circa il triplo, ma per mancanza di spazio non si è potuto accontentare tutti. Il menù, infine, sarà con piatti tipicamente italiani, con un occhio di riguardo per le pietanze toscane.

Diretta facebook dell'evento fiorentino sulla pagina Lega Toscana.

Lega Toscana

Indietro venerdì 29 novembre 2019 @ 17:03 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus