La rinascita di un parco archeologico. Conferenza stampa venerdì 1 novembre ore 11,30.

La Fondazione Villa romana delle Grotte conclude l'anno 2019 con un grande risultato.

Portoferraio

Condividi
Foto di Stefano Muti

La Fondazione Villa romana delle Grotte conclude l'anno 2019 con un grande risultato che sarà illustrato nel corso di una conferenza stampa e incontro aperto a tutti il giorno 1 novembre alle 11,30.
Sarà condiviso un piccolo aperitivo.

Quest’anno la ricerca archeologica sulla Rada di Portoferraio ha visto, per la prima volta, due campagne di scavo condotte in contemporanea, una alla Villa rustica di San Giovanni, indagata negli ultimi otto anni, l’altra alla Villa romana delle Grotte, indagata negli anni ’60-’70.

A partire dal 2016 l’impegno della Fondazione Villa romana delle Grotte (costituita nel 1996), e del Comune di Portoferraio ha permesso di migliorare la fruizione dell’area e ha posto le basi per la costituzione di un vero Parco Archeologico, nel rispetto della mission della Fondazione finalizzata alla valorizzazione del patrimonio territoriale.

Questa occasione di incontro e presentazione, che permetterà di conoscere meglio le finalità e il programma culturale che ha ispirato e ispira queste ricerche, vedrà presenti il Sindaco di Portoferraio Angelo Zini e il Consigliere Marino Garfagnoli, la D.ssa Lorella Alderighi della Soprintendenza ABAP per le province di Pisa e Livorno, il Prof. Franco Cambi dell’Università di Siena e membro del Gruppo Aithale, gli archeologi Laura Pagliantini e Edoardo Vanni, Cecilia Pacini presidente della Fondazione Villa romana delle Grotte, Paolo e Chiara Gasparri, proprietari del Podere Gasparri.

Per informazioni e prenotazioni, telefonare al 327 8369680 o scrivere a questo indirizzo villadellegrotte@gmail.com.

Indietro lunedì 28 ottobre 2019 @ 15:41 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus