A Portoferraio è tempo di “Golden Night”

Venerdì 13 settembre in calata e nel centro storico il saluto all’estate.

Portoferraio

Condividi

Venerdì 13 settembre Portoferraio festeggia la Golden Night. Un evento organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Confesercenti la Confcommercio e CNA.

Si tratta di una serie di attrazioni dislocate nel centro storico (Piazza Cavour e Piazza della Repubblica) e lungo la Calata.

Nella zona di piazza Cavour, alcuni gonfiabili saranno disponibili già dal pomeriggio a disposizione dei bambini da tre fino a quattordici anni che potranno giocare a loro piacimento.

Nella zona di Piazza della Repubblica, a partire dalle ore 21.00 sarà allestita un’area intrattenimento per bambini con animazione e baby dance. Nella stessa area con inizio alle 22.00 sarà la volta di “Urban silent party” un evento nell’evento novità per Portoferraio. I partecipanti verranno dotati di cuffie e potranno scegliere la musica da ballare, in piazza tra D.J. e animazione.

In calata invece all’altezza del Molo Elba, si comincia con “aperitivo golden” che verrà proposto dalle attività commerciali della zona, quindi alle 18.30, un D.J set che accompagnerà i partecipanti alla festa fino a tarda serata.

A dare il benvenuto alla festa, musica e ballo al Molo Gallo si esibiranno i maestri Antonella Colli e Franco Ascione con gli allievi della scuola Tip Tap One accompagnati dal musicista Giorgio Ridi che proporrà un repertorio di canzoni italiane e non solo dagli anni 60 ad oggi con balli di gruppo e a richiesta.

La Golden Night arriva a chiusura della stagione estiva come una sorta di saluto alla bella stagione ma gli organizzatori fanno sapere che verrà riproposta anche il prossimo anno in un periodo di alta stagione e con altre novità. 

Indietro giovedì 12 settembre 2019 @ 18:10 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus