Come sarà l’Elba nel 2035?

Di Acqua Dell'Elba

Acqua dell'Elba

Condividi

Come sarà l’Elba nel 2035? Questa la domanda da cui ha preso avvio #Elba2035, il secondo appuntamento che ha anticipato l’edizione 2019 del Sea Essence International Festival, il primo festival internazionale dedicato alla salvaguardia e alla valorizzazione della bellezza del mare promosso da Acqua dell’Elba, con il Patrocinio di Regione Toscana, Comune di Marciana Marina, Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Legambiente, l’Università IULM e l’Accademia di Belle Arti di Brera. L’incontro, moderato dal vice caporedattore de Il Tirreno, GUIDO FIORINI, si è tenuto presso la sede del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e ha coinvolto i principali attori del territorio in una riflessione prospettica a tutto tondo sull’immagine e le potenzialità dell’isola tra quindici anni.

Quali sfide ambientali ci aspettano? Quali le tendenze economiche e sociali? L’obiettivo, attraverso la logica multistakeholder e multidisciplinare, è stato quello di capire se e in che misura l’Elba potrà impostare la propria crescita e competitività a livello globale, facendo pienamente leva sulla sostenibilità

Punto di partenza per la discussione sono stati gli interventi di tre illustri relatori nella prima parte della mattinata.

Tendenze. E’ stata questa la parola d’ordine dell’intervento di Monica Fabris , Presidente di Episteme srl, Istituto di Consulenza strategica e di marketing.
Quali sono quindi le tendenze e i valori di un possibile e futuro scenario della nostra società nel 2035? Le risposte che ha portato MONICA FABRIS vertono sull’ascolto: partendo dalla società, studiando i comportamenti delle persone, i gusti, gli interessi e scavando nel passato per trovare qualcosa che abbia continuazione e indichi così la direzione da seguire.

Con ANDREA VETTORI, (il secondo relatore), Vice Capo dell’Unità ‘Utilizzo e gestione del territorio’ della Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea, la mattinata è entrata nel cuore del contesto europeo, grazie ad una puntuale analisi delle sfide e degli obiettivi globali dell’Europa in materia di Ambiente.
Agenda 2030 con 17 obiettivi specifici, tra cui la messa ala bando dei 10 prodotti che per la maggior parte inquinano le spiagge e il mare tra i temi trattati.

Terzo pilastro per la sostenibilità sono l’economia circolare e la blue economy oggetto della relazione di ANDREA SARTORI, Senior Consultant presso Altis- Ala Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Dove si dirige lo scenario europeo e quali sono le sfide che abbiamo di fronte per arrivare ad uno sviluppo sostenibile nel 2035? Nelle parole di Sartori le risposte: rigenerazione dei rifiuti, risparmio di materie prime, ottimizzazione dei processi produttivi, aumento della durata dei prodotti, meno emissioni di CO2 .

La seconda parte della mattina è stata dedicata all’ascolto e agli interventi degli stakeholder locali che hanno rivestito un ruolo cruciale nella logica dell’incontro, portando all’attenzione le loro aspettative, visioni , e questioni urgenti da affrontare per vivere, nel 2035, in un isola più efficiente e soprattutto più sostenibile. All’appello hanno risposto gli Amministratori, primo tra tutti a prendere la parola il Consigliere Regionale Gianni Anselmi, seguito dalla Sindaca di Marciana Marina Gabriella Allori e dal neo Vicesindaco di Portoferraio Luca Baldi. Poi ancora, il Presidente del Parco Giampiero Sammuri, Umberto Mazzantini responsabile nazionale Isole Minori di Legambiente, Marco Mantovani Presidente della Fondazione Isola d’Elba, il Presidente della Banca dell’Elba Luca Bartolini e Claudio Boccardo, amministratore di Ala Toscana, con un video messaggio arrivato direttamente dalla Conferenza sui Servizi a Roma.

Poi è stata la volta delle Associazioni di Categoria. In particolare è intervenuto il Presidente Provinciale della CNA Maurizio Serini, Lamberto Ferrini per Confcommercio Elba e Franco De Simone per Confesercenti. A concludere la carrellata di interventi sono stati infine Paolo Ballerini, medico specialista della clinica Medicart, Cecilia Pacini, Presidente dell’Associazione Italia Nostra Arcipelago Toscano e infine Patrizia Lupi, direttrice della rivista Enjoy Elba.

Ora l’appuntamento è per tutti il 28-29 e 30 giugno con la seconda edizione di Seif a Marciana Marina, ma chissà che l’incontro di oggi non possa diventare un momento periodico di condivisione e riflessione sulle strade da intraprendere per il futuro dell’Elba.
 

Indietro venerdì 14 giugno 2019 @ 10:59 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus