Guardia di Finanza, scoperte situazioni reddituali non conformi a quanto dichiarato

Ticket sanitari: scoperte quattro situazioni reddituali non corrispondenti alla realtà, coinvolte 19 persone.

Isola d'Elba

Condividi

La prima persona aveva dichiarato un reddito inferiore alla soglia per la quale scatta l’esenzione dal pagamento delle prestazioni sanitarie, 70enne, residente a Porto Azzurro, è stata individuata dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Portoferraio. I dati, incrociati dalle fiamme gialle, hanno restituito un reddito del nucleo familiare più alto.

La donna ora dovrà pagare i 266 euro del ticket non corrisposto, più una sanzione di 530 euro.

Il bilancio dello Stato dipende anche dai mancati introiti - seppur minimi ma numerosi - derivanti dall’indebita percezione delle erogazioni pubbliche.

La seconda ha dichiarato un reddito inferiore a 8.000 euro per beneficiare di visite specialistiche in esenzione.

Un 25enne di Portoferraio invece aveva conseguito emolumenti a livello familiare superiori a 100 mila euro. Le fiamme gialle elbane sono risalite a lui, dipendente di un ingrosso di alimentari, analizzando le autocertificazioni sulla consistenza reddituale dei richiedenti l’esenzione e i dati telematici in possesso al Corpo.

Riscontrata la consistente differenza tra quanto dichiarato e quanto percepito, il giovane è stato sanzionato.

La Guardia di Finanza vigila sul corretto funzionamento delle forme di sostegno previste a tutela delle famiglie che si trovano realmente in difficoltà economiche.
 

Indietro giovedì 13 giugno 2019 @ 14:59 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus