L’archivio storico di Piombino intitolato a Ivan Tognarini

Un riconoscimento per l'importante contributo culturale dato alla città nel corso degli anni

Piombino

Condividi

 

Un riconoscimento a Ivan Tognarini per l’importante contributo culturale dato alla città di Piombino nel corso degli anni.

Nel prossimo consiglio comunale, previsto per mercoledì 27 febbraio, verrà discussa un delibera con la quale l’amministrazione comunale propone l’intitolazione dell’archivio storico della città a Ivan Tognarini, scomparso il 15 marzo 2014.

Le motivazioni di tale iniziativa sono molteplici e si riconducono a molti fattori, tra i quali il legame molto forte che Tognarini ha sempre mantenuto con la sua città natale, nonostante abitasse da decenni a Firenze, e il suo importante contributo nella valorizzazione della storia moderna e contemporanea del territorio e nella salvaguardia del suo patrimonio culturale e industriale.

La decisione risponde anche a una richiesta ufficiale, pervenuta all’amministrazione comunale a firma di alcune personalità della cultura e del mondo politico e istituzionale locale, con la quale si richiede di intitolare al prof. Ivan Tognarini, una struttura, già esistente o di prossima realizzazione con una forte valenza culturale che contribuisca a mantenere vivo il suo ricordo presso le giovani generazioni.

L’amministrazione comunale ha poi individuato nell’archivio storico la struttura più adatta, dal momento che Tognarini nel corso degli anni ha contribuito alla nascita di questo istituto culturale, impegnandosi sempre in prima persona per l’arricchimento del suo patrimonio documentario e per la sua valorizzazione.

Si ricordano inoltre le sue ricerche nel campo della storia della resistenza e dell’antifascismo, oltre che del movimento sindacale, dell’industria toscana e dell’archeologia industriale, il suo impegno in qualità di presidente dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e il ruolo essenziale svolto per il conferimento della medaglia d’oro al valor militare alla città di Piombino, avvenuta nell’autunno del 2000 da parte dell’allora Presidente della Repubblica Ciampi.

Fondamentali inoltre il peso che Tognarini ha rivestito nel mondo accademico e culturale e la capacità che ha avuto di trasmettere alle nuove generazioni di studenti, non solo il suo straordinario patrimonio di conoscenza ma soprattutto la serietà e il metodo con cui si devono affrontare le discipline storiche, diffondendo un modello di cultura che fosse imprescindibile dalla sfera della moralità e dell’impegno civile. 

Indietro sabato 16 febbraio 2019 @ 08:29 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus