Guerra e confini. Mercoledì 13 febbraio si celebra il giorno del ricordo

Un incontro pubblico di approfondimento organizzato dall'amministrazione comunale

Piombino

Condividi

 

Un incontro pubblico di approfondimento organizzato dall’amministrazione comunale in collaborazione con Istoreco Livorno e con l’associazione nazionale “Venezia Giulia e Dalmazia” sezione di Livorno in occasione del Giorno del ricordo.

Mercoledì 13 febbraio alle 15,30 presso l’archivio storico comunale, via Ferruccio 18, si svolge un incontro pubblico dal titolo “Confine orientale e storia repubblicana” al quale partecipano Silvio Ferrari, insegnante e traduttore di origine dalmata e Sergio Pasquali dell’associazione nazionale “Venezia Giulia e Dalmazia”. L’incontro sarà coordinato da Marco Manfredi di Istoreco Livorno.

Alla fine della seconda guerra mondiale, da bambino, Silvio Ferrari fu costretto a lasciare la Dalmazia con la madre zaratina, e dopo un breve soggiorno nel campo profughi di Trieste si trasferì a Camogli, città natale del padre.

Il senso dell’iniziativa è infatti quello di fare luce sugli avvenimenti legati all’esodo degli italiani dall’Istria e dalla Dalmazia tra il 1943 e il 1954 analizzando pacatamente le ragioni di quei fatti e la complessità di quel periodo storico.

Che cosa stava succedendo in quel momento agli istriani e dalmati di nazionalità italiana? Erano al centro di una contesa di confine tra una parte vincente (la Jugoslavia) e una parte soccombente (l’Italia) che non accettava questo ruolo, addossando le responsabilità della guerra al fascismo e fregiandosi di aver combattuto la lotta per la liberazione. Parigi non fu clemente con gli italiani.

Istituita con legge dello stato nel 2004 per non dimenticare l’esodo degli italiani dall’Istria e dalla l’iniziativa fa riferimento alla data del 10 febbraio 1947, quando fu firmata la pace di Parigi che delineava l’assetto dell’Europa post-bellica.

Dagli anni Novanta sono fiorite le opere sul tema e si è consolidata una bibliografia di riferimento.

L’iniziativa ha valore formativo per gli insegnanti interessati. 

Indietro martedì 12 febbraio 2019 @ 08:02 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus