Operazione della Guardia Costiera di Rio Marina

Un’attività’ di contrasto alla commercializzazione ambulante

Rio

Condividi

Nella giornata di venerdi’ 8 febbraio 2019, i militari in servizio presso l’ufficio locale marittimo di rio marina, hanno effettuato con successo un’attività’ di contrasto alla commercializzazione ambulante abusiva di prodotti ittici nel territorio di Rio.

Grazie alla segnalazione di alcuni cittadini, che avevano notato la presenza nell’area pedonale del centro commerciale ipercoop di un’autovettura privata con a bordo del prodotto ittico in vendita, i militari, giunti sul posto, hanno individuato l’autovettura segnalata. dagli accertamenti compiuti a bordo del mezzo, i militari hanno rinvenuto più’ di 35 chili di prodotto ittico.

L’intera partita si è’ presentata sin da subito in cattivo stato di conservazione, perche’ priva di ghiaccio e trasportata con un mezzo non coibentato. il prodotto, infatti, era cosi’ esposto alla temperatura ambientale, molto più’ alta di quella prevista per questa tipologia di trasporti, che non deve superare i 7°c.-

Nei confronti della persona sottoposta a controllo sono stati redatti gli atti di rito, tra cui il sequestro penale del prodotto ittico e la segnalazione del responsabile all’autorità’ giudiziaria, che ha autorizzato la distruzione del prodotto, pericoloso per la salute dei potenziali consumatori.

Anche la competente azienda sanitaria e’ stata informata dell’attivita’ espletata dai militari della guardia costiera.

La capitaneria di porto di portoferraio, ai fini della tutela dei cittadini, raccomanda di rivolgersi a centri di distribuzione e vendita del settore della pesca ed attività’ itineranti autorizzate, affinchè si consumino prodotti controllati e conservati correttamente, secondo le vigenti normative.
 

Indietro lunedì 11 febbraio 2019 @ 14:06 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus