Terminato il primo stato di avanzamento dello skatepark alle Ghiaie

Il progetto è scaturito da una gara indetta dall’assessorato alle Politiche giovanili

Portoferraio

Condividi

Sono stati terminati in questi giorni i lavori del primo stato di avanzamento per la realizzazione dello skatepark alle Ghiaie.

Il progetto, scaturito da una gara indetta dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Portoferraio fra i progettisti elbani “under 35”, è quello del giovane geometra marinese Simone Canali, che svolge anche le funzioni di direttore dei lavori, ed è in corso di realizzazione all’interno degli impianti sportivi delle Ghiaie, dove già esistono la piscina comunale, unm campo di calcetto ed una tensostruttura.

In particolare, dopo gli opportuni lavori di movimentazione terra e di realizzazione dei piani, sta prendendo corpo quella che sarà la struttura definitiva dell’opera.

Il cantiere, che è stato momentaneamente chiuso, verrà riaperto a marzo, per realizzare le opere di carpenteria preparatorie a quelle in cemento e alla successiva lisciatura, che dovrà essere realizzata seguendo precise indicazioni da parte della Federazione italiana sport rotellistici per quanto riguarda le pendenze, le angolature degli ostacoli e le tipologie di superfici da realizzare. Il costo totale dell’opera sarà di 55mila euro.

“Dopo qualche iniziale ritardo i lavori procedono secondo i piani previsti -
ha commentato l’assessore alle politiche giovanili del Comune di Portoferraio, Laura Berti – si cominciano finalmente a percepire la struttura definitiva dell’opera e la sua collocazione in un ambito che riteniamo ideale per dare spazio ai ragazzi, per un contesto che non avrà solo valenza cittadina ma che ci auguriamo possa essere frequentato da ragazzi provenienti da tutta l’Elba”.
 

Indietro sabato 9 febbraio 2019 @ 15:50 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus