Epilogo per la vicenda del rapimento della bimba di 5 mesi

Si sta per concludere la vicenda giudiziaria che vede indagati la madre e il padre di una bimba che la scorsa estate era stata rapita e portata in Francia

cronaca giudiziaria

Condividi

Si sta per concludere la vicenda giudiziaria che vede indagati la madre e il padre di una bimba che la scorsa estate era stata rapita e portata in Francia dai genitori.

La madre elbana e padre marocchino avevano sottratto la minore di 5 mesi ai servizi sociali, che doveva essere sottoposta ad un delicato intervento chirurgico a causa di una malformazione cranica.

La vicenda risale al 13 luglio scorso, la bimba era stata affidata ai servizi sociali dall’Usl di Portoferraio, per la difficile situazione in cui versava la famiglia.

Poco meno di una settimana, prima di effettuare l’intervento la madre era fuggita con la piccola per raggiungere il confine con ventimiglia dove ad attenderla c’era il marito entrambi poi, si erano diretti a Parigi.

Momenti di grande tensione si sono vissuti all’isola per le sorti della bimba, imovimenti delle carte di credito hanno permesso il ritrovamento dei fuggitivi il 26 agosto scorso.

I due sono stati arrestati dalla polizia francese per loro l’accusa è stata, sequestro di persona, tentate lesioni aggravate, sottrazione e trattenimento di minore all’estero.

La bimba subito dopo essere stata ritrovata è stata trasferita presso un ospedale francese per effettuare dei controlli circa il suo stato di salute-
Il 10 settembre scorso la piccola è rientrata in Italia e qualche giorno dopo sottoposta al delicato intervento, positivamente riuscito.

La madre processata ha patteggiato due anni e otto mesi di reclusione, mentre il padre andrà a giudizio.

Il processo inizierà mercoledì 6 febbraio prossimo.

(foto di repertorio)

Indietro venerdì 1 febbraio 2019 @ 10:24 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus