Finto stupro a Grosseto, le indagini proseguono

L'attività investigativa ha portato a scoprire che la giovane donna si era inventata tutto

Grosseto

Condividi
Foto generica

 

Non è stato stupro e si è inventato tutto la cittadina grossetana che, la mattina del 7 gennaio, aveva dichiarato di aver subito una violenza fisica nella zona industriale di Grosseto da parte di soggetti non identificati mentre si stava recando a lavoro.

L'aggressione, quindi, considerata in principio reale, poi presunta, non è mai esistita e questo è stato possibile rilevarlo in seguito alle attente ed approfondite indagini degli inquirenti che hanno evidenziato alcune difformità tra l'accaduto e la ricostruzione della giovane.

Quanto emerso è stato riportato in una nota rilasciata dal procuratore di Grosseto Raffaella Capasso.

“L’intensa e serrata attività investigativa diretta dalla Procura e condotta dai Carabinieri di Grosseto in relazione alla denuncia di patita violenza sessuale ad opera di ignoti sporta da una giovane donna la mattina del 7 gennaio scorso a Grosseto – riporta - ha evidenziato numerose e concrete incongruenze rispetto alla versione fornita dalla presunta vittima. La stessa giovane, posta di fronte al quadro degli elementi raccolti, ha ammesso che l'aggressione a sfondo sessuale non è in realtà mai avvenuta. Le indagini proseguono per definire nel dettaglio i contorni della vicenda”.

 

Stefano Fabbroni
 

Indietro lunedì 14 gennaio 2019 @ 09:34 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus