Ferrari: “Necessario migliorare il Ddl sulle isole minori”

Richiesto un incontro con le istituzioni per presentare le proposte dell’ANCIM

Politica

Condividi
il sindaco Mario Ferrari

 

“La tempesta di fine ottobre, che ha costretto l’isola d’Elba a quasi 48 ore di isolamento totale dal resto del mondo e ad affrontare emergenze di ogni tipo con le proprie sottodimensionate risorse, oltre che a farci andare su tutti i telegiornali dovrà servire a ricordare a tutti, in primis ai nostri governanti, i reali disagi legati alla condizione di insularità”.

Il sindaco di Portoferraio, Mario Ferrari, che ha gestito in prima linea con la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco e le forze dell’ordine il Centro di Coordinamento dell’emergenza maltempo di questi giorni, prende spunto da questa situazione estrema vissuta dall’isola d’Elba per tornare a parlare della condizione delle isole minori italiane, tema di un Disegno di legge ad hoc approvato dal Senato lo scorso 17 ottobre.

Ferrari, fra l’altro, in qualità di membro del Direttivo dell’ANCIM (l’Associazione Italiana dei Comuni delle Isole Minori) e di rappresentante della Toscana, ha partecipato la settimana scorsa al dibattito che si è tenuto presso la sede romana dell’associazione, nel quale sono stati considerati da revisionare alcuni dei punti chiave della legge, prima della sua definitiva approvazione da parte della Camera.

“A fronte della soddisfazione per la celerità dell’iter legislativo”, ha ricordato il sindaco di Portoferraio, “serviranno una serie di emendamenti e di correttivi da apportare per rendere il testo di legge adeguato alle reali priorità dei territori insulari come il nostro. Le giornate come quelle appena vissute dagli abitanti delle isole colpite dal maltempo devono far riflettere tutti sui disagi legati alla sanità, che diventa una vera e propria emergenza, alla scuola, che interrompe la sua funzione sociale ed educativa, con enormi disagi per le famiglie, alla continuità territoriale, che sparisce, impedendo ad un intero territorio di vivere la propria quotidianità lavorativa ed istituzionale. Senza dimenticare la necessità di far uscire dalla precarietà i tribunali delle isole minori, con il diritto alla giustizia dei nostri concittadini, sempre più difficile da esercitare”.

In particolare, Ferrari chiede il ripristino dell’articolo 3 di questo Disegno di legge e il reinserimento degli emendamenti presentati dall’ANCIM. A questo scopo, i sindaci delle isole minori hanno richiesto nei giorni scorsi un incontro con il Parlamento, il Presidente del Consiglio dei Ministri e i due Vice Presidenti per chiarire meglio le motivazioni delle loro richieste.

Indietro mercoledì 31 ottobre 2018 @ 17:45 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus