Consiglio comunale: discussione stato attuazione obiettivi

Il sindaco Giuliani ha presentato il documento di verifica degli obiettivi conseguiti

Piombino

Condividi

 

Una discussione ampia, nell’ambito della ricognizione sullo stato di attuazione degli obiettivi strategici del mandato elettorale del sindaco per il periodo 2015-2018.


Il sindaco Giuliani ha presentato la mattina del 30 ottobre, in consiglio comunale il documento di verifica degli obiettivi conseguiti in questi ultimi tre anni, che è stato approvato con i soli voti del PD; contrari Movimento 5 Stelle, “Ascolta Piombino”, Rifondazione comunista, Ferrari sindaco Forza Italia.

Il sindaco nella sua introduzione ha voluto evidenziare molti progetti strategici e innovativi portati avanti dall’amministrazione comunale, pur in presenza di situazioni non sempre positive e comunque mutevoli, legate anche alla scarsità di risorse e di personale

“Nel corso di questi anni abbiamo comunque lavorato con pragmatismo e concretezza – ha detto Giuliani – dedicandoci a questioni legate all’ammodernamento della città e al suo sviluppo.”

Il sindaco ha quindi parlato dei risultati conseguiti dall’Associazione dei Comuni Toscani, con i progetti “Collaborando”, la rete dei Cammini etruschi, progetti di area vasta che testimoniano i livelli di integrazione raggiunti tra i Comuni della Val di Cornia, le istituzioni scolastiche e altri soggetti del territorio.

Si è poi soffermato sul processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, su alcuni risultati conseguiti nell’ambito del decentramento con la realizzazione del centro civico di Riotorto, un nuovo centro civica in via dell’Arsenale, l’ampliamento di quello del Cotone, il riutilizzo dell’ex asilo “Girasole” a Salivoli, di un punto aggregativo ai fini educativi per i bambini del quartiere a Populonia.

Sul fronte dell’ordine pubblico, ha ricordato l’intensificazione dei controlli, soprattutto durante l’estate, con pattuglie fino a mezzanotte, guardie ambientali come i Rangers e gli ispettori di Sei Toscana, l’installazione di nuove telecamere.

Per quanto riguarda gli interventi sul territorio ha menzionato le opere realizzate per mettere in sicurezza la costa, con il consolidamento della falesia in piazza Bovio e sul lungomare Marconi. Gli interventi di ristrutturazione di edifici pubblici come il tribunale, il rifacimento del tetto del pala tenda, della palestra del Perticale, il miglioramento della viabilità in via Forlanini, la riqualificaizone di via Pisacane. 

Potenziata anche la gestione dei servizi culturali, con l’esternalizzazione della gestione delle due biblioteche, Falesiana e quella di Riotorto. A questo proposito ha ricordato l’operazione non semplice di trasferimento temporaneo della biblioteca Falesiana presso i locali di piazza Appiani, in attesa del completamento del polo culturale.

Infine il riconoscimento ottenuto da Aces con la candidatura di Piombino a Città europea dello sport che verrà ufficializzata il prossimo 12 novembre in una cerimonia pubblica a Roma.

“Abbiamo creduto nelle politiche giovanili – ha continuato il sindaco – il Centro Giovani di Piombino è uno dei migliori Centri giovani della regione toscana. Importante il ruolo che svolge anche con i doposcuola cittadini e con i ragazzi del servizio civile.”

Dal punto di vista dello sviluppo economico, importanti i risultati conseguiti con l’incremento del turismo, con la destagionalizzazione del turismo, e anche con lo sviluppo del turismo crocieristico.

Infine l’estensione delle aree verdi e la creazione di sinergie con i privati per la manutenzione e gestione del territorio (a Piombino ci sono 835.000 mq du aree verdi, di cui 28.930 mq gestite attraverso convenzioni con i privati).

Sul grande tema della 398, il sindaco ha confermato che, dopo l’approvazione da parte del Cipe di alcuni giorni fa, se tutto procede per il meglio l’appalto lavori potrà essere avviato a fine estate e l’inizio lavori potrebbe essere prevista per la fine del 2019.
Un passaggio importante anche sulla Variante Aferpi in merito ai progetti di reindustrializzazione del territorio e sulla Variante di manutenzione al Regolamento urbanistico, pensata con l’obiettivo di favorire la microimprenditorialità.

Infine, sul fronte ambientale, Giuliani ha ricordato l’installazione di centraline per il rilevamento della qualità dell’aria e la realizzazione del nuovo canile minimo.

Le opposizioni presenti in aula, che si sono espresse in maniera negativa al momento del voto, hanno evidenziato alcune criticità relative alle azioni portate avanti dall’amministrazione comunale. 

Pasquinuelli del Movimento 5 Stelle ha parlato delle criticità legate alla bonifica di Città Futura, evidenziando anche competenze e responsabilità da parte del Comune e non soltanto del governo, e criticità in merito alla bonifica della discarica di Poggio ai Venti.

Per Gelichi di “Ascolta Piombino”, manca una visione e una strategia politica. Le attività illustrate dal sindaco rientrano nell’ambito di iniziative tecniche che possono svolgersi anche senza la presenza di una classe politica.

Rifondazione Comunista, con Fabrizio Callaioli, ha criticato il nuovo accordo di programma che regola anche i rapporti con i nuovi acquirenti di Aferpi. Ha parlato di mancanza di vincoli riguardo alla collocazione delle attività produttive, in ordine al deposito dei rifiuti di lavorazione. Sui rifiuti industriali ha sottolineato come non esista un obbligo di destinare i rifiuti industriali prodotti dalla fabbrica alla discarica di Rimateria.

Anche Francesco Ferrari ha ripreso la discussione evidenziando negatività legate a progetti come quello di Apea. Una parte della discussione si è poi concentrata anche sul futuro di Rimateria e su come non possa rappresentare una chiave di volta per le bonifiche del Sin. Ferrari ha citato un parere di Arpat, del luglio 2018, secondo il quale Rimateria non potrà mai accogliere i rifiuti prodotti all’interno dell’area industriale.

Per la maggioranza, l’intervento di Bruna Geri del PD ha evidenziato le azioni positive portate avanti dal sindaco e dalla giunta Giuliani, tra le quali anche il recupero delle case comunali attraverso un’azione stringente di controlli mai realizzata prima.

“Sappiamo quali sono i problemi della città – ha detto Geri - In un momento così delicato questo sindaco e questa giunta sono riusciti a tenere insieme i pezzi. Piombino sta cambiando. Il suo centro storico è arricchito dalla presenza dei turisti, qualcosa si muove.”
 

Indietro mercoledì 31 ottobre 2018 @ 09:01 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus