Sale l'attesa a Capoliveri per la Festa dell'Uva 2018

Si svolgerà questo fine settimana. Ecco gli eventi in programma

La manifestazione

Condividi

C’è grande fermento a Capoliveri in questi giorni. Ormai mancano pochissime ore alla Festa dell’Uva che quest’anno giunge alla sua XXII edizione. Folklore e passione si mescolano, ormai da tanti anni, in una manifestazione che è diventata tra gli eventi più attesi dell’anno. Ultime ore, dunque, di preparazione per i Rioni del paese. Fortezza, Baluardo, Fosso e Torre saranno protagonisti della tre giorni messa a punto dalla Pro Loco di Capoliveri. Sarà un’edizione che proverà a mettere al centro dei giochi i più piccoli. Un modo per promuovere in maniera più efficace e trasferire alle nuove generazioni valori e tradizioni di un tempo che fu. 

Tra le altre novità di quest’anno c’è anche un premio, internazionale, che una giuria tecnica assegnerà ad un Rione. Saranno sei giornalisti provenienti da Germania, Serbia, Venezuela, Cile, Spagna e Danimarca a tenere gli occhi puntati sui quattro Rioni per premiare il loro preferito.

Come tutti gli anni, il momento clou della Festa dell’Uva si concentrerà tutto nella giornata di domenica 7 ottobre. A partire dalle 10,40, in piazza Matteotti, nel pieno centro di Capoliveri. I Rioni sfileranno portando in scena la tematica scelta per la manifestazione. Avranno soltanto venti minuti di tempo per convincere i giudici dell’autenticità della loro dimostrazione. A seguire, la visita all’interno dei rioni. I giurati saranno accolti dal delegato del Rione che lo accompagnerà lungo il percorso. Alle 15 le porte si apriranno anche al pubblico. Nel pomeriggio, poi, la tanto attesa proclamazione del rione vincitore con la consegna dei premi Bacco e Continuità.

In realtà, i festeggiamenti a Capoliveri avranno inizio venerdì sera. Dopo che la Statua del Bacco sarà portata sulla pensilina, si svolgeranno le gare tra i quattro rioni, come da regolamento, che si concentreranno su vendemmia e uva. Quest’anno, grande rilevanza sarà riservata ai giochi riservati ai bambini. La corsa dei sacchi per i bimbi dai 7 ai 12 anni, poi il tiro alla fune per i bambini dai 9 ai 14 anni. Non mancherà il gioco del chicco d’uva sul cucchiaino. Per i più grandi, la gara della pigiatura dell’uva riservata alle donne che non abbiano compiuto il 18esimo anno d’età. I ragazzi, invece, potranno mettersi alla prova con la gara del grappolo in cui dovranno mangiare, con le mani legate, più uva possibile.

Sabato 6 ottobre, a partire dal primo pomeriggio, spazio ai prodotti enogastronomici del territorio. Dopo la presentazione della Giuria e l’illustrazione degli argomenti scelti dai Rioni, in piazza Matteotti si apriranno gli stand con la partecipazione dei produttori vinicoli elbani. Alle 20,00 ogni Rione presenterà e farà degustare un piatto tipico appositamente preparato e accompagnato da un vino. Tra gli ospiti d’eccezione c’è Nello Daniele, fratello del grande Pino, che dopo il concerto tributo di quest’estate torna a Capoliveri e parteciperà come spettatore all’edizione 2018 della Festa dell’Uva.
Irma Annaloro

Indietro giovedì 4 ottobre 2018 @ 16:18 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus