Pesca in Apnea, a Cecina il Campionato a squadre

L'Elba ben rappresentata. Secondo posto per i Mazzarri

Condividi

Sabato 29 settembre a Cecina si è tenuto il Campionato Italiano a Squadre di Pesca in Apnea ottimamente organizzato dal locale Sub Nettuno. Ciascun Circolo proveniente da tutta Italia, poteva essere rappresentato da due squadre. I porta bandiera del Circolo Sub Teseo Tesei di Portoferraio, ma che indubbiamente si può dire che abbiano rappresentato tutta l’Elba, erano composti da due squadre. Una con i nomi dei Mazzarri, l’altra da Gaio Trambusti, recentemente qualificatosi per i Campionati Assoluti Italiani, da Davide Velasco e da Andrea Tognoni. I nomi dei Mazzarri era composta da Renzo, tre volte Campione del Mondo di Pesca sub. Nilo e il giovane figlio di questi Davide. Una grande emozione per tutti e tre ben rappresentativi di tre generazioni di Subaquei. Renzo Mazzarri poi, da anni assente dalle competizioni, si è voluto di nuovo cimentare per dare man forte ad una squadra familiare e a tutto il Circolo T.Tesei. Si può affermare che ci è riuscito alla grande. Quarantuno le squadre in competizione composte dai migliori atleti in campo nazionale ed internazionale. Dopo 5 ore di gara in uno specchio di mare il cui fondo risultava variegato con presenza di cigli di posidonia intervallato da massi di roccia e concrezioni di grotto riparo di diverse specie di pesc e, la pesatura assegnava al Circolo T.Tesei rappresentato dai Mazzarri un prestigioso secondo posto. All’ottavo posto la squadra di Trambusti, Verlasco, Tognoni. Dunque un risultato eccellete per un Circolo come il nostro che nel panorama della Subacquea nazionale e internazionale è stato sempre presente con risultati degni della tradizione che assegna al T.Tesei sicuramente un posto d’onore. 

Indietro lunedì 1 ottobre 2018 @ 16:20 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus