“L’ATC è una farsa, il re è ormai definitivamente nudo”

L’imprenditore Vittorio Rigoli si dimette dal Comitato di Gestione

L'intervento

Condividi

“A partire da oggi, mercoledì 5 settembre, rassegno le mie dimissioni dal Comitato di Gestione dell’Ambito Territoriale di Caccia n. 10 “Arcipelago Toscano”, del quale faccio parte in rappresentanza di Coldiretti, per le motivazioni indicate a seguire.

L'ATC è una farsa, ma non più di quanto si sia confermata essere la politica della Regione Toscana in campo faunistico e venatorio. Non ha davvero più alcun senso – per ciò che mi riguarda – partecipare a tale pantomima, se non quello di rappresentare un alibi all'immobilismo quando non alle scelte scellerate, sistematicamente eterodirette dal campo di forze venatorio in virtù di poco comprensibili accordi politici.

La decisione della Regione Toscana, fortemente sostenuta dall'assessore Marco Remaschi, di dichiarare l'Elba area vocata per il (falso) cinghiale, contrasta con la scienza, la ragionevolezza, la pianificazione di tutela del territorio e della biodiversità e con le residue possibilità di praticare agricoltura di pregio al di fuori di piccole aree "bunker", recintate e quasi "militarizzate".

Si è sancita così la definitiva rinuncia a esercitare una qualsivoglia volontà politica nella direzione della necessaria eradicazione degli ungulati alloctoni e degli ingenti costi del loro velleitario contenimento. Costi che si vogliono continuare a scaricare sugli agricoltori, vagheggiando di fantomatiche filiere della carne selvatica, la cui organizzazione richiederebbe una presenza massiccia di ungulati sul territorio.

La desertificazione agricola e dei sistemi ecologici val dunque bene una manciata di voti della lobby venatoria. Non chiedeteci oltre connivenza in cambio di vuote parole di impegno, cui mai sono seguiti fatti concreti. Mai.

Ora, con quest'ultima, assurda decisione pro ungulati e pro interessi venatori, il re è ormai definitivamente nudo”.

Vittorio Rigoli

Indietro mercoledì 5 settembre 2018 @ 11:07 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus