La Penitenziaria contro la chiusura del presidio nautico

I sindacati: "Grave tentativo di ridimensionamento dei servizi fondamentali"

Porto Azzurro

Condividi

“Il prossimo 12 settembre è stata indetta una riunione sindacale per definire, tra l’altro, la chiusura delle basi navali di Napoli, Favignana e Porto Azzurro.

Seppure le sorti dei tre presidi nautici del Corpo sembrerebbero essere già segnate, dal momento che come al solito il D.A.P. rifiuta ogni confronto, trincerandosi dietro la previsione dello scellerato D.M. 2 ottobre 2017, il S.A.P.Pe, primo e più rappresentativo sindacato di categoria, si batterà con tutte le sue forze per scongiurare l’ennesimo grave tentativo di ridimensionamento di fondamentali servizi come quello navale.

Il S.A.P.Pe sta redigendo una circostanziata relazione che sarà presentata ai vertici del Dipartimento e con la quale si chiederà di valutare l’opportunità di mantenere operativi gli indispensabili presidi navali della Polizia Penitenziaria, anche al fine di non disperdere la straordinaria professionalità e competenza acquisita dai nostri poliziotti navali.

Contro questa amministrazione matrigna, il S.A.P.Pe, come sempre, si schiera in prima linea a tutela dei colleghi interessati”.

S.A.P.Pe
Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria

Indietro venerdì 31 agosto 2018 @ 09:32 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus