L'elbano Pietro Mazzei all’Accademia Nazionale di Prato

Un’altra giovane promessa del rugby nella Federazione Italiana Under 18

Passione sport

Condividi
Pietro Mazzei

L’Elba Rugby continua a sfornare giovani talenti dello sport. Dopo Andrea Cascello e Ion Neculai, con enorme soddisfazione, la società annuncia che un altro dei suoi ragazzi entrerà a far parte del Centro di Formazione Permanente Under 18 di Prato della Federazione Italiana Rugby: Pietro Mazzei, classe 2002.

Il 3 settembre, Pietro inizierà questa nuova avventura, trasferendosi a Prato e continuando gli studi del liceo Scientifico presso il “Convitto Cicognini”. L’essere stato ritenuto un giocatore emergente di interesse nazionale è per il ragazzo motivo di orgoglio e lo ripaga di tutti i sacrifici di questi anni, fatti di duri allenamenti e di costanti trasferimenti settimanali fuori dall’Elba, per essere stato un punto fermo del Centro di Formazione Under 16 di Livorno.

Per l’Elba Rugby, Pietro è un esempio di equilibrio e di sintesi di qualità fisiche e tecniche, ma anche caratteriali, indispensabili per poter diventare un atleta di livello nazionale, quali l’intelligenza, il rispetto, la disciplina, la serietà e la predisposizione al sacrificio.

Un riconoscimento che costituirà per i giovani rugbisti elbani uno stimolo per migliorarsi, una prova di come sia davvero possibile raggiungere il proprio obiettivo. Per la società Elba Rugby, invece, rappresenta una ulteriore iniezione di entusiasmo per continuare a lavorare quotidianamente, proseguendo nel percorso di crescita numerica e qualitativa del proprio settore giovanile.

Non resta, quindi, che augurare a Pietro, come ad Andrea e ad Ion, un enorme in bocca al lupo per questa nuova stagione sportiva, certi che tutta l’isola tiferà per loro.

Indietro martedì 28 agosto 2018 @ 11:51 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus