Silvia Salemi a Suvereto

Sabato 18 agosto in piazza D'Annunzio

Eventi

Condividi

 

Sabato 18 agosto alle 21.45 in piazza D’Annunzio a Suvereto, nuovo appuntamento con il festival Estate nel Borgo, la cantante Silvia Salemi si racconta, intervistata dall'attore Andrea Paone accompagnata alle tastiere dal maestro Matteo Scannicchio. I suoi ricordi le sue canzoni e le sue canzoni del cuore, una serata unica per scoprire insieme una grande artista.

Silvia Salemi, la cantante nota al grande pubblico con il brano "A casa di Luca", che le valse il Premio della Critica al Festival di Sanremo, ci racconta La voce nel cassetto, il libro autobiografico nel quale racconta la parte più drammatica della sua vita.

"L'ho scritto perchè in quel cassetto c'era tutto il mio trauma, c'era la mia voce, perchè era una registrazione fatta dalla mia sorellina Laura che non c'e più" ha detto la Salemi, che all’epoca aveva un anno e mezzo, ricordando la sorellina scomparsa a soli 5 anni per una grave forma di leucemia.

Quel dolore le fece perdere la voce, finchè un giorno, frugando in un cassetto, trovò un registratore. "In quella cassetta io ho sentito la mia voce per la prima volta, una voce che avevo dimenticato di avere... in quel cassetto ho riscoperto la mia voce".

In quella breve registrazione c'è anche l’ultimo ricordo di sua sorella, che le dice solennemente 'Io Laura, di anni 5 e mesi 2, voglio dire che lascio tutti i miei giochi a Silvia, perchè Silvia è una bambina buona. Silvia, vieni, mi devi aiutare a fare la flebo a Pinocchio...'. "Laura oggi è il mio angelo - continua la Salemi - è stata quella persona che mancando mi ha fatta nascere, perchè mia madre scoprì di aspettare me nello stesso momento in cui seppe che la malattia di Laura era una malattia incurabile.

“Lei aveva già un figlio e una bambina di tre anni perennemente in ospedale – commenta Silvia Salemi - di fronte al dubbio se tenermi o meno il medico le disse 'Tienila, perchè questa bambina deve nascere, è arrivata perchè l’altra ti verrà tolta...'. Oggi che sono madre capisco il coraggio che lei ha avuto nel tenermi.”

“Un appuntamento con la musica – commenta il sindaco Giuliano Parodi – ma anche con la vita, le gioie e dolori di una donna. Una serata che dedico alla mia amica ed assessore scomparsa 8 mesi fa dopo un anno di malattia, Cristiana Fiaschi, portata via anche lei da una forma di leucemia, una ferita ancora aperta nella comunita’ di Suvereto. Appuntamento per tutti in piazza alle 21.45, come sempre ingresso libero. La serata e’ all’interno dell’evento “Serata dell’Ospite” organizzato dall’Ente Valorizzazione Suvereto, e dalle 19.30 all’interno del Chiostro si potra’ cenare con prodotti tipici della nostra zona”.
 

Indietro venerdì 17 agosto 2018 @ 09:34 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus