Rio, Galli: "Ora si attui il decentramento istituzionale"

L'intervento dell'ex primo cittadino.

Politica

"Con l’insediamento della nuova Amministrazione del Comune di Rio si completa il progetto di riunificazione dei due Comuni di Rio nell’Elba e di Rio Marina, voluto dalla cittadinanza col referendum. I nuovi amministratori sono ora chiamati a dare pratica attuazione al progetto, sia dal punto di vista amministrativo che istituzionale". L'intervento è dell'ex primo cittadino Renzo Galli che, in questa nota, sottolinea come "dopo l’emanazione del decreto regionale di concessione del contributo di 500.000 euro per 5 anni, avvenuta in febbraio, il DM Interno del 27/4/2018 ha determinato in 383.980,66 euro il contributo di fusione che sarà erogato dallo Stato per 10 anni. Ammonta così a 6.339.806,66 l’importo complessivo che sarà complessivamente erogato".

"Si tratta indubbiamente di una cifra importante - dice Galli - per una Comunità di 3.300 abitanti, priva di vincoli, che l’Amministrazione subentrante si troverà a poter spendere per migliorare le condizioni socio-economiche del versante. Per dare sotto questo profilo più forza propositiva alle diverse comunità, il progetto di fusione prevedeva l’istituzione di due municipi amministrativi presso gli ex comuni di Rio Marina e di Rio nell’Elba, con la facoltà, concessa dall’art.2 secondo comma dello Statuto, di istituirne altri con delibera consiliare. Corollario a questa risoluzione statutaria è, sempre che la nuova Amministrazione la voglia attuare, la creazione con apposito Regolamento di esecuzione dei Municipi-istituzione, non elettivi “organi di partecipazione (ch)e rappresentano la comunità di persone che vivono nel loro territorio, ne curano gli interessi, ne promuovono lo sviluppo nell’ambito dell’unitarietà del Comune di Rio”, come recita l’articolo 1 comma due del progetto di Regolamento. Sono dunque organi di partecipazione e di rappresentanza delle aspirazioni e dei bisogni della Comunità nell’ambito dell’ unità comunale, composti da membri eletti dal Consiglio Comunale con gli stessi criteri di proporzionalità e per la durata della consiliatura.

Ora l’Amministrazione comunale entrante ha in effetti individuato nelle persone del vice-sindaco e di un assessore i responsabili dei due territori riuniti, ma ritengo che con l’attuazione del decentramento istituzionale, oltre che amministrativo, essi dovrebbero godere di quella autonomia reclamata e promessa. A mio modesto avviso - conclude Galli - i due consiglieri delegati dovrebbero assumere il ruolo formale di pro-sindaci dei territori, ricevendo ulteriori poteri delegati dal Sindaco. Essi costituirebbero il giusto raccordo fra il Comune-ente e i consigli di Municipio, rappresentati dal suo presidente. Si costituirebbe così un solido decentramento capace di ascolto e di soddisfacimento dei bisogni dei cittadini. Non credo che le dimensioni del territorio siano così modeste per sviluppare una tale architettura costituzionale, ma al contrario che sia invece capace di costituire un valido sensore dei bisogni del territorio che spesso con i metodi tradizionali non emergano. Spero che la nuova Amministrazione faccia tesoro di questo consiglio, che non è tanto un pensiero personale, quanto il risultato dei suggerimenti raccolti nell’elaborazione del nuovo Statuto comunale".

Indietro giovedì 28 giugno 2018 @ 17:24 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus