Stanza di Euterpe, la musica vive all'Istituto Giusti

Si tratta di un'aula in cui gli studenti possono ascoltare opere classiche

Scuola

Condividi

Non poteva che prendere il nome da "colei che rallegra". Euterpe, personaggio della mitologia greca, la musa della musica che in tutte le raffigurazioni è rappresentata con un flauto. Da lei prende il nome l'aula dell'Istituto Giusti di Campo nell'Elba che da circa un anno ospita gli studenti della scuola per l'ascolto di opere classiche. L'idea è quella di uscire dalle logiche dei banchi di scuola e far appassionare i più giovani ad un'arte che, a questa età, non è popolare. 

La musica, così, non è un libro. La musica non è soltanto una materia scolastica. La musica è emozione, studio, conoscenza, ascolto. La Stanza di Euterpe è nata proprio dal bisogno di far vivere ai ragazzi l’esperienza artistica dal punto di vista emozionale. Si tratta di un’aula  arredata nei minimi particolari e dotata di tutte le strumentazioni necessarie per portare i ragazzi a contatto con la musica.

“La Stanza di Euterpe – ha spiegato Marco Carraro Moda, docente di musica - Nasce con l’idea di fornire ai ragazzi la possibilità di un ascolto il più possibile fedele alla realtà. Abbiamo utilizzato le apparecchiature che ci sembravano più adatte per questo scopo, sia audio che video. Stiamo facendo ascoltare ai ragazzi opere del repertorio classico e moderno, partendo dalle più famose”.

Sotto gli occhi attenti dei più grandi compositori e musicisti di tutto il mondo, le loro immagini sono appese nell’aula didattica, gli studenti hanno a loro disposizione strumenti musicali, un computer, un televisione, casse e tutte le attrezzature indispensabili per favorire un contatto diretto con la musica. Uno spazio didattico per niente scontato in un sistema scolastico che, in relazione alle ore didattiche e agli spazi, non favorisce più di tanto il mondo artistico. “Vogliamo dare ai ragazzi – precisa il docente Salvatore Aragona - uno spazio in cui possono muoversi liberamente e vivere l’esperienza artistica per la pura passione anche al di fuori degli orari scolastici”. Per guardare il videoservizio clicca qui (le immagini sono di Michele Intorcia)

Irma Annaloro
 

Indietro martedì 12 giugno 2018 @ 16:41 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus