La lettera di sostegno alla candidatura di Canovaro

L'intervento dei lavoratori del settore Lavori Pubblici di Piombino

Elezioni

Condividi

Riceviamo e pubblichiamo una lettera di sostegno a Umberto Canovaro, candidato a sindaco di Rio, da parte di un gruppo di lavoratori ed ex dipendenti del settore Lavori Pubblici del Comune di Piombino.

Abbiamo appreso che Umberto Canovaro, vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici al Comune di Piombino fra il 1995 e il 2004, si candiderà a sindaco nel nuovo comune di Rio alle prossime elezioni del 10 giugno. Lo segnaliamo alla popolazione come amministratore serio e preparato, sempre presente, vicino alle persone e ai loro bisogni, che ha saputo lasciare un’impronta nell’assessorato da lui diretto che è presente ancor oggi. Canovaro ha saputo stare vicino al personale con cui collaborava, e il suo ufficio non aveva mai la porta chiusa, e il dialogo con noi dipendenti è stato sempre proficuo e redditizio. Fra le innumerevoli opere da lui fatte in nove anni, ricordiamo – tra le tante – le numerose manutenzioni di strade e marciapiedi, il raddoppio dei depuratori a Riotorto e stazione di Populonia, il restauro del Castello Leonardesco, dei canali di Marina, la piazza del Popolo a Riotorto, la messa in sicurezza delle scuole, il rinforzo dei contrafforti in piazza Bovio, la pavimentazione del centro storico, l’illuminazione nella zona Colmata, l’arretramento dei binari da piazza Gramsci. Ma ciò che ci resterà sempre dentro di Umberto, è la sua grande umanità e la sua grande capacità di ascoltare la gente. Riteniamo che la sua disponibilità sia un’occasione importante che i riesi possono sfruttare, votandolo: a Piombino, ha dato davvero una svolta.

Un gruppo di lavoratori ed ex dipendenti del settore Lavori Pubblici del Comune di Piombino.
 

Indietro lunedì 28 maggio 2018 @ 09:34 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus