Il Foresi secondo al concorso primi di Toscana

L'istituto ha presentato la "Sburrita elbana". Primo "Profumi di montagna"

Regione

Condividi
repertorio

Con il piatto "Profumi di montagna", una pietanza a base di ravioli con funghi porcini accompagnata da un vino di Pescia, l'Istituto alberghiero Martini di Montecatini si è aggiudicato il concorso "Primi di Toscana", che ha vissuto  venerdì 11 maggio, la sfida finale nell'accogliente salone dell'Istituto alberghiero Saffi di Firenze. Secondo, l'Istituto Foresi di Portoferraio con la "Sburrita elbana". Terzo, con la "Ribollita", si è classificato invece l'Istituto Artusi di Chianciano.

Ai primi tre istituti classificati, oltre al Pegaso della Regione Toscana, sono andati altrettanti laboratori professionali, sia ai ragazzi che ai docenti, messi in palio dalla Scuola di alta professionalità Tessieri di Ponsacco. Alla scuola prima classificata è andato un laboratorio di dodici ore, alla seconda di otto ore, alla terza di cinque ore. All'Istituto Saffi, in quanto soggetto organizzatore dell'evento finale e quindi fuori concorso, è stato donato un laboratorio di otto ore sempre da parte dell'Istituto Tessieri. A tutti gli istituti che hanno preso parte alla sfida finale, invece, è andato un attestato di partecipazione e delle pubblicazioni in materia enogastronomica.

"Si possono mettere a punto le cose che ancora devono essere migliorate, certo, ma non si può tornare indietro. E' tutti insieme che dobbiamo lavorare per mettere la scuola al passo con i tempi e al servizio delle necessità concrete dei ragazzi. Ministeri, Regione, Enti locali, tutti assieme abbiamo l'onere ma anche l'onore di realizzare una scuola collegata al mondo del lavoro. Dobbiamo fare sistema. Ed è anche per questo che desidero ringraziare il sottosegretario Toccafondi, che in questo suo ultimo scampolo di mandato è voluto essere qui con noi, a suggello di un lavoro comune svolto in questi anni, al fianco della Regione Toscana che, in questo caso, ha voluto valorizzare la creatività degli allievi e delle allievi degli istituti alberghieri e della ristorazione toscani", ha affermato l'assessore regionale a Lavoro, istruzione e lavoro, Cristina Grieco, che con la preside dell'Istituto Saffi, Francesca Lascialfari, e il direttore dell'Istituto scolastico regionale, Domenico Petruzzo, ha premiato le scuole e gli allievi vincitori. Con loro, anche sottosegretario ad Università, ricerca ed istruzione, Gabriele Toccafondi, che è intervenuto nel corso della giornata.

La giuria, formata da Claudio Capitani, Cristina Debernardis, Simona Errico, Marco Paoletti e Franco Polidori, ha emesso il verdetto nel pomeriggio inoltrato, dopo che a partire dalla mattina, gli uni dopo gli altri, i ragazzi e le ragazze, guidati dai loro professori, si sono "combattuti" con l'abilità della loro cucina. "Al di là del soggetto vincitore, cui va comunque il plauso e le congratulazioni, questo progetto si è rivelato fruttuoso perché ci ha permesso di conoscere e di apprezzare le scuole alberghiere toscane e di valorizzarle in modo concreto, in questo 2018 che è l'anno internazionale del cibo italiano nel mondo", ha aggiunto l'assessore Grieco. "E' stato un campionato di primi piatti, un giro del gusto che ha reso protagonisti i nostri territori con i loro prodotti basilari ed eccellenti, espressione di genuinità e di bontà, prodotti apprezzati anche fuori d'Italia" E ancora: "Il cibo è stato accompagnato dal vino, altro prodotto di eccelenza del nostro territorio, da intendersi come elemento di condivisione, alleanze e promozione di un patrimonio enogastronomico da primato". Nel corso della manifestazione sono stati presentati piatti semplici e talvolta poveri, altre volte più elaborati, comunque in grado di unire tradizione ed innovazione, utilizzando materie prime di altissima qualità e soprattutto provenienti dai diversi territori della Toscana. E ciò è stato fatto, a maggior significato di tutto, in occasione dell'anno internazionale del cibo italiano voluto dal Ministero delle Politiche agricole e sancito dalle Nazioni Unite.

"Valorizzare il cibo partendo da ciò che il territorio sa esprimere è sempre stata una caratteristica dei toscani e della Toscana", ha affermato il sottosegretario Toccafondi, che da parte sua ha evidenziato anche "l'importanza di avvicinare i ragazzi al mondo che li circonda" e ha elogiato l'iniziativa: "Oggi voi, qui, state facendo scuola. Questo deve essere il vero obiettivo dell'istituazione scolastica. Dietro a questo lavoro ci sono persone che con cura lo hanno ideato, proposto e presentato, valorizzando così alcune eccellenze della nostra Toscana", Da segnalare, infine, che l'olio utilizzato nel corso della giornata odierna, Antico Borgo, è un prodotto tipico toscano della zona di Castagneto Carducci, lavorato dalla cooperativa Terre dell'Etruria, olio che è stato selezionato dalla Regione Toscana per la propria guida degli olii extravergine toscani Dop e Igp. Tale olio è reduce dalla manifestazione "Cibus".

Ecco l'elenco delle scuole e dei piatti presentati oggi, territorio per
territorio, alla sfida finale del concorso "Primi di Toscana" all'Istituto
Saffi di Firenze

Arezzo

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Vegni (Capezzine di
Cortona)

Farinata gialla

Firenze

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Saffi (Firenze)

Risotto con crema di porri - fuori concorso

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Buontalenti
(Firenze)

Tortelloni rossi

Grosseto

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Leopoldo di Lorena
(Grosseto)

Tortello toscano con clorofilla di prezzemolo

Livorno

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Mattei
(Rosignano Marittimo) Risotto al cuore di carciofo di Venturina Istituto
per i servizi alberghieri e della ristorazione Foresi (Portoferraio)
Sburrita eoliana Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione
Einaudi Ceccherelli (Piombino) Passaggio in Valdicornia Lucca

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Pieroni (Barga)

Farrotto al brasato

Istituto peri servizi alberghieri e della ristorazione Marconi (Viareggio)

Sapori delle Apuane

Massa Carrara

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Minuto (Marina di
Massa)

Pasta e fagioli

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Pacinotti (Bagnone)

Testaroli lunigianesi

Pisa

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Matteotti (Pisa)

Zuppa toscana nel raviolo

Pistoia

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Martini
(Montecatini Terme)

Profumi di Montagna

Siena

Istituto per i servizi alberghieri e della ristorazione Artusi (Chianciano
Terme)

Ribollita

 

Indietro sabato 12 maggio 2018 @ 11:38 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus