Premio Strega, ultimato il ritratto omaggio ad Anna Maria Rimoaldi

di Jacopo Bononi Franco Semeraro*

Marciana Marina

Condividi
Il ritratto del maestro Lorenzo D'Andrea

Il ritorno quest’anno del Premio Strega all’isola d’Elba è sopratutto un omaggio alla figura della dottoressa Anna Maria Rimoaldi che ne fu l’anima, oltre che la direttrice per un trentennio, dopo averlo creato insieme con Maria Bellonci. La Rimoaldi fu difatti la direttrice della omonima Fondazione dal 1986, ruolo che ora ricopre Stefano Petrocchi. Fu lei che per amore della sua Elba ed in particolare per Poggio, dove ebbe la propria dimora estiva fino alla sua morte nel 2007, che avvenne proprio nel piccolo borgo medievale elbano, promosse tutte le riedizioni elbane del premio, riedizioni che proseguirono anche dopo la sua scomparsa fino all’ultima nel 2011. A Franco Semeraro titolare della Libreria Rigola e all’Hotel Gabbiano Azzurro che promuovono e sponsorizzano l’Evento, reso possibile grazie alla partecipazione attiva della Amministrazione marinese e del rinnovato consiglio direttivo della proloco, è sembrato quindi doveroso ricordare la memoria della dottoressa Rimoaldi, in accordo con la Fondazione Bellonci, commissionando un suo ritratto postumo da omaggiare alla Fondazione stessa al maestro Lorenzo D’Andrea, il quale, oltre a personalità come i principi di Monaco o d’Inghilterra, ebbe l’onore di ritrarre tra gli altri Giovanni Paolo II su commissione di Giulio Andreotti. Il ritratto, tratto da una bellissima fotografia, è un olio su tela che sarà esposto durante la serata della presentazione del vincitore del premio 2018 in piazza e consentirà in qualche modo di rendere ancora più viva la presenza della Rimoaldi tra i partecipanti all’Evento. Anna Maria Rimoaldi fu tra i fondatori nel 1946 del Centro Universitario Teatrale ed ha iniziato la sua lunga attività culturale mettendo in scena numerosi drammi e commedie e dirigendo attori come Gabriele Ferzetti, Giulietta Masina e Marcello Mastroianni. Per la Rai ha curato la trasposizione televisiva e radiofonica di opere di Manzoni, Deledda, Sand e Eliot. Amica ed erede di Maria Bellonci, ha creato appunto nel 1986 la Fondazione dedicata alla scrittrice e al marito Goffredo organizzando con infaticabile generosità ogni anno il Premio Strega e le numerose attività di promozione della lettura progettate e organizzate dalla Fondazione, contribuendo così alla diffusione della lingua e della letteratura italiane nel nostro paese e all’estero. Per questo, il 10 novembre 2004, alla vigilia dei suoi 80 anni, il presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi l’aveva insignita della medaglia d’oro alla cultura, l’importante onorificenza assegnata ogni anno ai benemeriti della cultura. La sua figura risulta quindi essere tra le più incisive di tutta la cultura italiana dal dopoguerra ai nostri giorni e la sua eredità rappresenta un patrimonio fondamentale per il mondo letterario italiano, essendo lo Strega di gran lunga il premio letterario italiano più noto e più apprezzato a livello internazionale. Il suo ritorno a Marciana Marina quindi, la sera del 4 agosto dalle 21.45 in Piazza della Chiesa, rappresenta un grande passo avanti verso quel nobile obbiettivo che la nuova Amministrazione marinese guidata da Gabriella Allori, insieme col nuovo direttivo della Proloco, si è posta ossia di riportare la cittadina elbana al centro della vita culturale estiva elbana.


Jacopo Bononi Franco Semeraro
*(Comitato promotore del Premio Strega all’isola d’Elba)
 

Indietro domenica 6 maggio 2018 @ 19:01 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus