Capoliveri sarà epicentro dell'MTB mondiale

La Legend Cup una gara stellare seguita da Media Internazionali

L'evento

Condividi
Legend Cup 2018

La Capoliveri Legend Cup, al suo terzo anno nell’UCI World Marathon Series, ha il sapore dell’evento mondiale, dopo la storica prova di Coppa del Mondo Cross Country, corsa nel 1994, Capoliveri si ripropone come “epicentro” dell’mtb mondiale. A distanza di ventiquattro anni la MTB mondiale sarà ancora sull’isola d’Elba per scrivere un’altra pagina della storia di questo sport.

La quasi totalità dei migliori specialisti delle marathon si sono dati appuntamento a Capoliveri per confrontarsi su un percorso che non farà sconti a nessuno, un percorso duro e tecnico, ma altamente spettacolare e divertente, che appagherà tutti i partecipanti, professionisti o amatori.
Al via assi del calibro del campione del mondo marathon, l’austriaco Alban Lakata, una legenda della mtb, affiancato dal ceco Kristian Hynek, vincitore nel 2016 e 2017, per il team Topeak Ergon.
Altra maglia importante al via sarà quella del neo campione europeo, in russo Alexey Medvedev, che sarà presente con i topo riders della Cicli Taddei.
Anche l’ex campione del mondo ed europeo marathon, il portoghese Tiago Ferreira, team DMT Protek, quest’anno non è voluto mancare alla prova elbana.
Il team Giant-Liv Polimedical sarà al gran completo, dopo essere stati protagonisti anche del video promo 2018 con Leonardo Paez, Periklis Ilias, Arias Cuervo e Costanza Fasolis.
Presenti anche tutti i principali team italiani: Scott Racing Team con il campione italiano Juri Ragnoli, il Soudal Lee Cougan, il Torpado Sudtirol International MTB Pro Team con tra gli altri l’ex campione europeo Peeter Pruus, il Trek Selle San Marco, il Wilier Force 7C, il Torpado Gabogas con il campione italiano XC Gerhard Kerschbaumer, il Cannondale RH Racing con il due volte campione del mondo Roel Paulissen, il Team Silmax X Bionic, il Team Bottecchia, dall’estero AVC AIX e Team Texpa-Simplon.
Anche in campo femminile la gara sarà di altissimo livello, a sfidarsi per la vittoria saranno atlete del calibro di Annabella Stropparo, la campionessa italiana Maria Cristina Nisi, Katazina Sosna, Mara Fumagalli, Elena Gaddoni, Costanza Fasolis, Jessica Pellizzaro, Cristiana Tamburini.
Complessivamente saranno oltre 100 gli atleti élite al via, un parterre degno di un campionato mondiale.
Sta per essere raggiunta la quota limite dei 2.000 partecipanti, mancano davvero pochi pettorali da assegnare, una scelta per garantire a tutti l’elevatissimo standard qualitativo che la Capoliveri Legend Cup vuole offrire a tutti i partecipanti.
Anche dal punto di vista dello spettacolo non mancherà nulla. Il “Muro della Leggenda” sarà una vera festa per tutti i concorrenti e gli spettatori, con musica e speaker ad animare i passaggi dei concorrenti. Anche l’uscita dalla discesa dell’Asta sarà esaltante, allestita a dovere e servita da una navetta che porterà gli spettatori ad assistere ai passaggi dei campioni, facendola spola, mentre facilmente raggiungibile a piedi sarà il in Muro della Leggenda, situato a pochi metri dalla zona partenza-arrivo.
Tutti i concorrenti, fino all’ultimo, saranno attesi e accolti sulla linea del traguardo da uno speaker, perché anche l’ultimo arrivato sarà entrato a far parte della “LEGGENDA”.
Inoltre tutti gli spettatori potranno seguire la gara con un servizio di Radiocorsa, mega schermi con immagini in diretta dal percorso, fruibili anche via Web. Nei prossimi giorni vi daremo indicazioni per fruire di questo servizio da casa, dai vostri tablet e smartphone.
 Sarà una gara stellare che farà divertire tutti i presenti e ricordiamo la presenza mediatica di prim’ordine, con varie troupe televisive e testate giornalistiche presenti.

Il 13 maggio sarà un grande evento, non perdere l’occasione di “ENTRARE NELLA LEGGENDA”!
 

Indietro giovedì 3 maggio 2018 @ 08:27 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus