Difficoltà per il trasferimento di un paziente a Pisa

L'elicottero non può intervenire e la barella non entra nella motovedetta

Sanità

Condividi
Due ambulanze a Piombino per il trasferimento

Problemi per un paziente M.M. elbano di 77 anni, che doveva essere trasferito con estrema urgenza in una struttura del continente, per un problema neurologico. La chiamata al 118 parte poco dopo le 12.20, ma l'elicottero è impossibilitato a volare a causa della intensa foschia. Il primo elicottero attrezzato per il volo in queste condizioni , un mezzo dell'Esercito, sarebbe stato disponibile solo intorno alle 15. L’alternativa è la Capitaneria di Porto, per un trasferimento con la motovedetta della Guardia Costiera; L'ambulanza però doveva arrivare da Porto Azzurro, (sembra per un problema del 118 ndr)   e arriva all’ospedale di Portoferraio verso le 13.00 . Carica il paziente lo trasporta alla motovedetta della Capitaneria, che però non riesce a ricevere la barella spinale dove era stato immobilizzato l’uomo e allora via verso il primo traghetto in partenza, quello delle 13.30 che porta il paziente a Piombino dove un'altra ambulanza della Croce Rossa lo prende in carico e parte verso l'ospedale di Pisa, dove verrà ricoverato nel reparto di neurochirurgia. Al momento non si conoscono le sue condizioni

 

Indietro mercoledì 4 aprile 2018 @ 15:54 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus