TCE Telecomunicazioni Elbane si rinnova e cambia look

Il taglio del nastro nei nuovi locali di via Montecristo 11 a Portoferraio

Guarda il video

Condividi

Una nuova struttura pensata per assecondare le esigenze comunicative. Un lungo corridoio su cui si affacciano tutti i nuovi uffici dove la garanzia della trasparenza riflette allo stesso modo il bisogno di privacy. Ecco i nuovi locali di TCE, l’azienda elbana leader nel settore delle telecomunicazioni.

I lavori sono stati seguiti dall’architetto Luca D’Errico. Con questa nuova struttura, che nasce dallo sviluppo costante dell’azienda, TCE Telecomunicazioni Elbane cambia look e si dota di una nuova immagine. Questo grazie ad un ambiente luminoso, semplici trasparenze e colori chiari che inseguono l’idea di tecnologia e che rendono l’ambiente più dinamico.

Il taglio del nastro nella struttura di via Montecristo 11 a Portoferraio, alla presenza dell’amministrazione comunale con il sindaco Ferrari e il vicesindaco Marini, è stato un’occasione per festeggiare i 30 anni di attività sul territorio. "Il bilancio - spiega Pietro D'Errico - è certamente positivo".

Un’azienda 100% elbana che insegue il bisogno di qualità nei servizi offerti grazie anche al team giovane e ben formato. Trent’anni di esperienza, trent’anni di attività. Trent’anni, dunque, di sfide imposte giornalmente dalle nuove tecnologie sul settore delle telecomuniczioni. Difficoltà a cui TCE fa fronte puntando soprattutto sulla presenza concreta di fronte ad una spersonalizzazione dei servizi a cui assistiamo oggi.

Insomma, TCE Telecomunicazioni Elbane altro non è che la storia di un’azienda che, a volerlo dire con le parole del sindaco Ferrari, “fa e migliora in un momento in cui oggi tutto è difficile”.

Per guardare il videoservizio clicca qui

Indietro giovedì 8 febbraio 2018 @ 15:35 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus