Da Cisanello all'Elba adesso il dolore si cura a distanza

Con la telemetria il paziente ha evitato un viaggio di 150 chilometri

La novità

Condividi

Un nuovo progetto di telemedicina è stato presentato il 9 ottobre a Cisanello dal dottor Giuliano De Carolis. E’ stato effettuato un collegamento in diretta dall’ospedale di Pisa con l’ambulatorio della terapia del dolore dell’ospedale elbano di Portoferraio per eseguire un controllo assistito in telemetria distanza su una paziente portatrice di neurostimolatore midollare (per controllare il dolore cronico). Un collegamento che ha permesso alla paziente elbana di evitare uno spostamento di 150 chilometri per raggiungere l’ospedale di Cisanello e agli specialisti di Pisa e dell’Elba di poter agire in sinergia secondo la migliore sintesi di efficacia ed efficienza. Il progetto è stato presentato nell’ambito di un incontro con lo staff dell’Unità Operativa di Anestesia e terapia del dolore dell’Aoup ( diretta dalla dottoressa Adriana Paolicchi) all’interno dell’iniziativa “Cento città contro il dolore”, promossa dall’associazione Isal. Erano presenti pazienti, medici, psicologi e infermieri provenienti da tutto il territorio della regione Toscana. Il progetto renderà possibile effettuare controlli e programmazione assistita a distanza per pazienti portatori di neuro stimolatori midollari impiantati a scopo antalgico. E’ nato all’interno dell’area vasta Nord Ovest e si pone lo scopo di rendere sempre più efficace ed operativa la rete della terapia del dolore su tutto il territorio, con particolare attenzione alla gestione di situazioni che si potrebbero verificare in aree geograficamente più disagiate, come appunto l’Isola d’Elba. 

Indietro mercoledì 11 ottobre 2017 @ 15:32 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus