Dissalatore, Papi non è convinto della soluzione

Il sindaco di Porto Azzurro chiede chi deve pagare e che fine farà Lido?

L'intervista

Condividi
Il sindaco di Porto Azzurro Papi

Maurizio Papi, sindaco di Porto Azzurro, non è convinto della soluzione dissalatore a Mola. “Quando siamo stati contattati – racconta Maurizio Papi - abbiamo dato il parere positivo al passaggio dei tubi, io mi ero appena insediato. Comunque in quell’incontro, abbiamo espresso una serie di dubbi e rilievi circa la realizzazione dell’opera”. Il primo cittadino  di Porto Azzurro spera che il dissalatore non si costruisca, si meraviglia dell’assenso del Parco, “Mola, è un’area delicata per la fauna e l’ambiente “ e solleva dubbi sull’utilità di un’opera così imponente: “Servirà una grande quantità di energia per far funzionare l’impianto – racconta Papi – che invita tutti al buon senso e soprattutto – conclude il sindaco - bisogna sapere bene chi deve pagare e cosa deve pagare, ci vuole estrema chiarezza sui costi non solo della costruzione ma anche del mantenimento, (finiranno sulle bollette degli utenti?) . Infine i dubbi di Papi sulla fine della spiaggia di Lido, quante tonnellate di salsedine ogni giorno verranno riversate in mare?

 

Indietro lunedì 9 ottobre 2017 @ 13:16 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus