Darsena Medicea, dati della stagione sono molto positivi

Il vicesindaco Roberto Marini:" Crescita continua, trend attivo e costante"

Portoferraio - video

Condividi
La Darsena Medicea a Portoferraio

L’attività della darsena medicea di Portoferraio registra un costante trend positivo che si è confermato negli anni. Il riscontro è nelle presenze delle imbarcazioni, sia quelle medio piccole che i mega yacht, che ogni anno scelgono l’attracco portoferraiese. E’ quanto risulta dall’analisi di fine stagione fatta dal vicesindaco Portoferraiese, Roberto Marini insieme alla Cosimo De Medici che gestisce l’approdo. “Siamo soddisfatti dei risultati che abbiamo raggiunto in questi anni – commenta Marini - tutti contraddistinti da un segno positivo”. Dal 2013 al 2017 l’aumento in termini di presenze di imbarcazioni è stato di 880 unità. Nel 2013 durante la stagione estiva sono state all’approdo 5.233 imbarcazioni complessivamente, mentre nel 2017 ne sono arrivate 6.133, circa un centinaio in più di piccole imbarcazioni, ed una trentina di megayacht rispetto alla stagione estiva 2016. Questo ha comportato un introito nelle casse della partecipata comunale di 46 mila euro in più rispetto all’anno passato, per un incasso totale di 783 mila euro al 30 di settembre. “Una crescita costante - continua Marini – con un aumento complessivo degli incassi che sono il risultato di una scelta tariffaria risultata vincente per le piccole imbarcazioni e che si conferma per quelle più grandi, oltre i 20 metri di lunghezza”. Incrementi importanti che danno un più ampio respiro all’economia del territorio “con un nuovo impulso a quella parte di tessuto economico – spiega il vicesindaco – come le attività di ristorazione e di somministrazione che non avevano da anni questa richiesta”. Per guardare il video clicca quì.

 

Indietro mercoledì 4 ottobre 2017 @ 18:20 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus