Caso sospetto di legionella a bordo della Moby Ale

La società sospende servizio per accertamenti sanitari, la nave ferma al Cavo

Guarda il video

Condividi
La Moby Ale ormeggiata a Cavo

Un marittimo 44enne imbarcato sul traghetto Moby Ale, in servizio sulla linea Piombino – Cavo, sarebbe ricoverato da domenica sera presso l’ospedale di Livorno , per una patologia connessa probabilmente a dei valori anomali di legionella rilevati a bordo della nave. Altri quattro casi sarebbero stati rilevati tra i membri dell’equipaggio. A confermarlo è la stessa compagnia, in una nota girata oggi alla stampa.
“Nell’ambito delle ordinarie verifiche sanitarie di auto-controllo attuate periodicamente dalla Società, a bordo del Moby Ale impegnato sulla rotta Piombino-Cavo - si legge nella nota - sono stati rilevati nell'acqua di bordo dei valori sospetti di legionella, che hanno indotto la Compagnia ad avviare la procedura prevista in queste situazioni (shock termico e iperclorazione) e, a ulteriore cautela, a sospendere autonomamente e temporaneamente il servizio di linea per ulteriori accertamenti sanitari di autocontrollo e per procedere ad una sanificazione invasiva. Un marittimo, sbarcato nei giorni scorsi, è ricoverato in ospedale per una sospetta broncopneumopatia. Nella giornata di mercoledì 8 giugno, la Compagnia è stata informata dalla Sanità Marittima di cinque casi tra i membri dell’equipaggio, che nei giorni scorsi erano stati visitati per sintomi influenzali e ritenuti idonei al servizio, i quali sono attualmente sotto monitoraggio sanitario. La Società, pur avendo già eseguito tutte le procedure previste in questi casi, ha deciso in autotutela di sottoporre a valutazione medica l’intero personale di bordo,che attualmente è ospitato in alcune strutture del territorio elbano”. La Moby Ale, intanto, è ferma da mercoledì 8 giugno a banchina nel porto di Cavo. Il servizio di linea è stato temporaneamente sospeso, fino al termine delle verifiche e delle procedure sanitarie in corso.
 

Indietro giovedì 9 giugno 2016 @ 15:50 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus