La carica dei 1200: a Capoliveri vince il ceco Hynek

Straordinario successo di pubblico della Legend Cup iridata

Guarda il video e le foto

Daniele Mensi fra due ali di folla

La carica dei 1200 ha invaso Capoliveri nella mattinata di domenica 15 maggio 2016. Tanti erano i partecipanti alla Capoliveri Legend Cup, che con la sua settima edizione, valida come prova delle UCI World Marathon Series, ha battuto il record di partecipazione agli eventi sportivi da sempre organizzati sul territorio dell'Isola d'Elba. Una perfetta organizzazione da parte dei ragazzi del Capoliveri Bike Park ha permesso a tutti i partecipanti di confrontarsi in tre competizioni in una: la Marathon, di 66 chilometri con 2200 metri di dislivello, il percorso Classic, di 37 chilometri, e la gara riservata alle categorie giovanili. L'attenzione, ovviamente - senza nulla togliere ai partecipanti alle altre gare -  era tutto per la gara iridata, che ha rispettato le attese proponendo alle centinaia di persone che hanno assistito ai passaggi sui sentieri del promontorio di Monte Calamita uno spettacolo agonistico degno delle aspettative. Alla fine, fra gli uomini, l'ha spuntata il ceco Krystian Hynek, che ha preceduto sul traguardo di Capoliveri gli italiani Daniele Mensi e Yuri Ragnoli dopo 2 ore e 53 minuti di gara. Solo sesto il campione mondiale, l'austriaco Alban Lakata, capace comunque di una rimonta che lo ha visto scalare numerose posizioni di classifica dopo una partenza decisamente lenta. Fra le donne podio tutto italiano, con il dominio di Annabella Stropparo: la campionessa vicentina, presente all'Elba anche 22 anni fa in occasione della gara di Coppa del Mondo del 1994, è tornata così ad una vittoria internazionale che le mancava da tempo, precedendo nell'ordine Valentina Frasisti e Mara Fumagalli. Nel percorso Classic prestigiosa vittoria dello junior Christian Brocchi di Elba Bike, atleta già osservato dai vertici federali per una possibile convocazione azzurra. Presenti alla sontuosa cerimonia di premiazione finale anche la Vice Presidente FCI Daniela Isetti e i ct azzurri Hubert Pallhuber e Fausto Scotti. Durante la premiazione si è consolidato il cosiddetto gemellaggio "Mare e Monti", una sinergia turistico-sportiva che ha accomunato l'Isola d'Elba ad un'altra rinomata località turistica come Cortina d'Ampezzo. Nei commenti del dopo gara entusiastiche le recensioni di atleti e addetti ai lavori, a consacrare la gara capoliverese, solo dopo sette anni dalla sua nascita, fra le migliori corse ciclistiche europee nel panorama delle ruote grasse.

Galleria fotografica

Indietro domenica 15 maggio 2016 @ 23:43 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus