Donna cade dallo scooter per colpa di un cinghiale

Torna l'allarme per l'eccessiva presenza di ungulati sul territorio

Portoferraio

Cinghiali in un campo all'Elba

“Siamo arrivati al punto di avere paura di tornare a casa. Questa volta ce la siamo cavata con sbucciature e motorino rotto e tanto spavento e la prossima?”. Sono le parole di una cittadina portoferraiese che l’altro ieri sera ha avuto un incontro ravvicinato con un cinghiale mentre era sul suo motorino e stava tornando a casa, alla periferia del capoluogo dove la campagna ormai è diventata terreno di conquista per gli ungulati che cercano da mangiare durante la notte. Episodi che ormai si stanno ripetendo in ogni parte dell’isola. Campi e giardini completamente arati dagli animali, auto che incontrano famiglie di cinghiali che attraversano la strada (quando va bene) e soprattutto scooter che durante la notte si scontrano con qualche cinghiale che, data la stazza, per lo più ha la meglio sul mezzo e sul guidatore. Sui social si rincorrono le lamentele di elbani che si trovano gruppi grufolanti in giardino, nonostante le recinzioni contro l’intrusione di ospiti indesiderati. Pochi giorni fa abbiamo realizzato un servizio in cui si vedono le buche che i cinghiali hanno fatto al campo da Golf dell’Acquabona. Riceviamo telefonate da chi ha vigne e campi coltivati e che non ce la fa ad arginare il fenomeno. Si fa sempre più insistente da parte dei cittadini la richiesta di contenimento degli animali e in qualche caso anche l’eradicazione di questa specie tanto dannosa. Più volte abbiamo scritto, su comunicazione degli enti preposti, che nell’area protetta del parco e nel resto del territorio vengono fatti abbattimenti selettivi con i selecontrollori. In più il parco ha posizionato diversi chiusini per la cattura dei cinghiali: ma evidentemente non basta. Con questo nostro servizio ci facciamo portatori delle richieste, sempre più numerose, da parte dei cittadini che subiscono un disagio che cresce sempre di più, perché chi di competenza intervenga drasticamente una volta per tutte. Ne va di mezzo l’incolumità dei cittadini. 

Indietro giovedì 5 maggio 2016 @ 14:57 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus