Bufera sulla mamma-presidente per le foto su facebook

Polemiche e richiesta di dimissioni nella scuola (interviene anche il Comune) per alcune immagini con la pistola. La donna spiega: "Ero in un poligono, tutto regolare". Il dirigente Fazio: "Sono amareggiato, ha lavorato molto"

campo

Condividi
La scuola di Marina di Campo

E' molto provata Luciana Mari, finita suo malgrado dentro un caso più grande di lei. Presidente del Consiglio d'istituto di Campo, è al centro di una polemica molto sgradevole, per alcuni contenuti della sua pagina facebook. Contenuti discutibili che hanno indotto altre mamme a sollevare la questione addirittura in Comune, dove l'assessore all'istruzione ha ascoltato e in qualche modo condiviso, la protesta dei genitori. L'indignazione nasce da alcune foto che ritraggono la signora Mari in un poligono di tiro, ma soprattutto un post probabilmente molto discutibile, dedicato all'ex ministro Cecilie Kyenge, spesso bersaglio ingiusto di battute a sfondo razzista. Il post sulla sua pagina non l'abbiamo visto e le foto sono state eliminate ma il caso non si ferma. E la presidente, parlando con Tenews, è apparsa molto turbata: "Vorrei capire bene cosa è successo, per ora - dice – quel che appare chiaro è che qui non stiamo parlando di questioni che riguardano la scuola, ma di cose private. La foto mia con la pistola? Si tratta di un'attività sportiva, svolta in un poligono regolare, con una pistola regolare, tra l’altro non mia. E' un'attività che può piacere a meno ma non c'è niente di illegale. Oltretutto le foto è stata postata molti mesi fa, e nel frattempo sono stata eletta". Certamente sbagliato il post sulla ex ministro, e la signora Mari si giustifica: "L'ho condiviso, come migliaia di altri, come si fa spesso con i politici, ma non sono razzista. Ho adozioni a distanza, sono per la pace e i miei figli ogni anno a Natale rinunciano al loro regalo per farlo a questi bimbi, a cui vogliamo molto bene. Lo stesso la foto in cui sono vestita da Babbo Natale (fa il gesto di mostrare il dito medio, ndr) è uno scherzo, un momento goliardico". Sembra proprio in buona fede il suo turbamento: "Il mio impegno come presidente del consiglio d’istituto l’ho preso per passione, mi sono sempre data da fare: abbiamo portato avanti progetti belli e interessanti con la scuola, ed è una cosa che ho sempre fatto con tutto il cuore. E oggi mi trovo a dovermi giustificare per cose che onestamente non capisco. Avrei preferito che qualcuno fosse venuto a dirmi in faccia le cose che pensava e che nei miei post c’era qualcosa di inopportuno. Invece si è scomodata perfino la Repubblica". E il preside, Enzo Fazio, è preoccupato e imbarazzato da questa polemica che investe la sua scuola, dove tutto ha sempre filato liscio: "Sono sinceramente amareggiato come dirigente e come persona. Qui ci troviamo di fronte a dinamiche esterne, che poi inevitabilmente finiscono per investire anche la scuola. Comunque, convocheremo un consiglio d'istituto urgente dove decideremo e prenderemo una posizione". Nel merito la sua posizione però è chiara: "C'è il mio biasimo personale per alcuni aspetti, ma per il resto voglio capire bene". Le dimissioni della presidente sono il possibile esito della vicenda: "Sono un'opzione da valutare - ammette Fazio – ma resta la mia amarezza per il metodo però. In una comunità come Campo questo caso non può non essere oggetto di un confronto fra le persone. Se qualcuno aveva qualcosa da eccepire poteva chiedere la convocazione di un consiglio d'istituto e confrontarsi con la diretta interessata, senza partire da una notizia di giornale. Mi preme però dire anche un’ultima cosa – conclude il dirigente scolastico - la signora Mari è sempre molto attiva come presidente, e ha sempre lavorato con passione”.

r.b.

Indietro giovedì 3 dicembre 2015 @ 17:36 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus