Operativo l'aeroporto elbano (mercoledì chiuso per scirocco)

Alla Pila le nubi bassissime avevano impedito l’arrivo dei voli programmati: 250 i passeggeri dirottati su Pisa e poi trasportati sull’isola con gli autobus. Procedura insolita per lo scalo, che ha comunque superato le difficoltà

meteo

Condividi
Il volo Silver Air è stato l'unico a partire ieri

 Aeroporto chiuso per scirocco. Di solito gli aeroporti si chiudono - semmai - per nebbia, ma questo, idealmente, è il cartello che avrebbe dovuto essere esposto nella mattinata di mercoledì 16 settembre allo scalo elbano di La Pila, a causa della cappa di foschia calata bassissima sull’aeroporto dell’Isola d’Elba. “Ieri mattina – ci ha detto Roberto Duglio, direttore operativo dello scalo di La Pila - è riuscito a partire solo il volo Silver Air per Pisa; in seguito, gli altri voli di Intersky da Zurigo e Friedrichshafen e il volo di Skywork da Berna non riuscivano ad avvicinarsi per le nubi quasi al suolo. Tutti i voli sono stati dunque cancellati, e come da procedura dirottati a Pisa con i passeggeri trasportati via bus prima a Piombino e poi all’Elba. La stessa Silver Air é riuscita a rientrare all'Elba solo giovedì mattina per ripartire per Lugano”.
E’ stata conseguentemente una giornata di superlavoro per chi gestisce l’aeroporto elbano: i passeggeri interessati da questo improvviso cambiamento di programma erano circa 250, ed insieme alla organizzazione di pasti e transfer erano in programma alcune ispezioni tecniche. Il ritorno alla normalità operativa ed amministrativa è avvenuto comunque già dalle prime ore di giovedì 17 settembre, grazie al ritorno di condizioni meteo accettabili: per lo scalo dell’isola d’Elba, quindi, si può tranquillamente parlare di esame brillantemente superato dal punto di vista operativo.
 

Indietro giovedì 17 settembre 2015 @ 13:23 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus