Il vento impedisce a Pegaso di atterrare all'ospedale

L’elicottero del 118 era stato chiamato per un trasferimento di una paziente a Livorno, ma il vento che in quel momento soffiava a 40 nodi ha impedito la manovra. Così l’operazione è stata dirottata sull’aeroporto della Pila

L'emergenza

Pegaso costretto ad allontanarsi dalla piazzola

La tempesta di ieri sembra ormai passata, ma il vento da nord-est soffia ancora forte sull’isola e continua a creare problemi. Ad accorgersene questa mattina sono stati i piloti dell’elicottero del 118, che sono stati chiamati per intervenire sull’elisuperficie dell’ospedale di Portoferraio per soccorrere una paziente ricoverata nel reparto di Medicina con problemi cardiaci che doveva essere trasferita presso l’ospedale di Livorno.

Intorno alle 11 il Pegaso proveniente da Grosseto è arrivato sulla piazzola di san Rocco, ma ha trovato grosse difficoltà ad atterrare a causa delle folate di vento, che raggiungevano in quel momento i 40/45 nodi e che non consentivano quindi la sicurezza delle manovre. Dopo un paio di tentativi l’elicottero del 118 è stato dirottato sull’aeroporto di La Pila. Nello stesso tempo una ambulanza della Misericordia di Portoferraio ha provveduto a trasportare sul posto l’ammalata, che fortunatamente non era in pericolo di vita, consentendo il suo trasferimento nella struttura specializzata livornese nel giro di pochi minuti.

In questo caso è stato attuato il secondo livello del protocollo di sicurezza che l’ASL applica per questo tipo di situazioni, senza fortunatamente gravi conseguenze sull’esito dell’intervento. Resta comunque da sottolineare il rischio a cui sono sottoposti gli ammalati che necessitano di essere trasportati in altre strutture in caso di situazioni di maltempo come questa, purtroppo sempre più frequenti.

Indietro venerdì 6 marzo 2015 @ 11:41 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus