Ztl a Campo, associazioni preoccupate: "Misura traumatica"

Albergatori, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria e Faita chiedono: "I candidati sindaco si pronuncino in modo inequivocabile. Andremmo incontro a un'infinità di disagi pratici, economici e burocratici"

le perplessità

Il centro di Campo, foto di repertorio

Da Associazione Albergatori Elbani, CNA, Confcommercio , Confesercenti , Confindustria Livorno  e Faita Campeggiatori riceviamo:


Le scriventi Associazioni e molti cittadini di Marina di Campo sono preoccupati per le intenzioni dichiarate dall'Amministrazione che contrariamente alle consuetudini aveva posto dei cartelli che limitavano l'accesso al centro alle auto a partire dalle 10:00 di mattina. In effetti si tratterebbe di una misura molto traumatica, non in linea con la particolare conformazione del centro storico, totalmente contraria alle esigenze commerciali e operative di quella zona.
Riteniamo che l'accesso al centro storico dal lungomare Mibelli debba essere regolato secondo gli orari e i periodi ormai in uso da tanti anni: ZTL dalle ore 20:00 sino alle ore 5:00, a partire dal 15 giugno sino al 15 settembre. Dopo alcuni confronti e incontri con l'Amministrazione i cartelli sono stati coperti in attesa delle elezioni ma la situazione non ci sembra chiarita. Riteniamo che a questo punto sia opportuno che i candidati sindaci, Segnini e Lambardi, si pronuncino in modo inequivocabile sulle intenzioni della prossima Amministrazione sulla ZTL a Marina di Campo.
Il centro storico di Marina di Campo infatti è certamente una delle zone commercialmente più importanti dell' Isola d'Elba, sono presenti numerose attività commerciali di vario genere, molti pubblici esercizi ed un attività industriale. Tutto questo si concilia con una delle aree residenziali più pregiate dell'isola, con un porto turistico e peschereccio molto attivo nella stagione estiva e dunque con numerosissimi interventi di manutentori artigiani, operatori ecc. La qualità commerciale della zona è testimoniata anche dal fatto che molte attività sono storiche, cioè aperte da decenni.
Questo delicato equilibrio è sempre stato tenuto in vita da una piena accessibilità al centro storico durante tutte le ore del giorno sino alle ore 20:00, e, a nostro avviso, a ridosso di una stagione che si presenta molto incerta, non possiamo rischiare nessun tipo di esperimento alternativo.
Sarebbero infiniti gli esempi di disagi pratici, economici e burocratici, che si verrebbero a creare con limitazioni maggiori di quelle usate negli anni scorsi.
In particolare è fondamentale che il semaforo sul lungomare Mibelli sia sempre di colore VERDE, almeno sino alle ore 20:00, come segno inconfondibile di apertura e accoglienza per tutti, residenti e turisti, italiani e stranieri.
Poiché è nostro preciso dovere difendere gli interessi delle categorie da noi rappresentate, chiediamo ai candidati a sindaco di tenere in debita considerazione quanto da noi esposto e di darci un chiaro riscontro in merito.

Indietro giovedì 15 maggio 2014 @ 12:43 © Riproduzione riservata