Scuola: caro presidente Renzi aiuta medie e superiori dell'Elba

di Roberto Peria (sindaco di Portoferraio)

la lettera

Condividi
Roberto Peria, sindaco di Portoferraio

Caro presidente Renzi, 

ho letto con attenzione la lettera sull’edilizia scolastica da Te inviata ai sindaci italiani, di cui ben conosci le difficoltà, ma anche le capacità di essere riferimento per i cittadini e per questo apprezzo molto la Tua iniziativa, che consente a noi sindaci di rappresentarti direttamente alcuni problemi e le concrete, possibili, soluzioni.

Relativamente alle questioni che poni, va detto preliminarmente che la nostra Amministrazione ha molto investito sulle strutture scolastiche, ma, ciononostante, permangono situazioni che necessitano di interventi di adeguamento ambientale e strutturale importanti. Nel caso specifico mi preme segnalarti l’Istituto Comprensivo di Portoferraio, in Viale Elba, dove abbiamo previsto la riqualificazione strutturale del solaio di calpestio, per un importo complessivo di 70mila euro, finanziato con oneri. La realizzazione è prevista durante la sospensione delle attività scolastiche, nella prossima estate.

Sullo stesso istituto sono, però, necessari anche importanti interventi di ristrutturazione delle pareti esterne, gravemente deteriorate dal punto di vista strutturale, per le quali si prevede una spesa di almeno 350.000,00 Euro, previsti sul piano triennale delle opere da realizzare nel 2015, ma che sarebbe importante poter finanziare da subito, per procedere ad una riqualificazione complessiva, anche termica della struttura, costruita in economia negli anni ’60 e per questo oggi necessitante di interventi importanti.

Mi preme inoltre, in modo particolare, segnalarti la situazione, molto grave e pesante, degli Istituti Scolastici Superiori dell’Isola d’Elba, di competenza della Provincia di Livorno e presenti sul territorio del Comune di Portoferraio, con particolare riferimento allo storico Liceo I.S.I.S. “Foresi”, che vede insieme il Liceo Classico, il Liceo Scientifico, il Liceo delle Scienze Umane, il Liceo delle Scienze Applicate, l’Istituto Alberghiero e l’Istituto Tecnico Professionale. L’Istituto conta una popolazione scolastica complessiva di 600 studenti, cui si aggiungono i 72 iscritti della Sezione carceraria del Liceo scientifico.

La scuola è suddivisa in tre sedi, distanti l’una dall’altra e tutte e tre con importanti problematiche strutturali: è del 21 febbraio l’ultima dichiarazione di inagibilità di una parte dei locali della sede del Professionale, a seguito di cedimenti del solaio per ammaloramento di travetti di sostegno del medesimo. Una sede del Liceo, a seguito della necessità di individuare ulteriori aule per far fronte al numero degli studenti iscritti, è stata ricavata in via temporanea, con un accordo fra Comune e Provincia di Livorno, in un edificio storico del Comune, già vecchia sede di scuola superiore, da tempo adibita a sede di associazioni, perchè non più rispondente alle necessità di una scuola moderna, essendo, fra l’altro, priva di laboratori, di palestra e con barriere architettoniche non facilmente superabili. L’ultima sede del Liceo è situata in un altro immobile storico di Portoferraio, con gravi problemi di capienza delle aule, inadeguatezza dei laboratori, assenza di spazi adeguati per l’educazione fisica. Nessuno degli edifici interessati dispone di un’aula magna in grado di accogliere gli studenti, né di spazi adeguati (spesso sono solo esterni) per l’educazione fisica.

Da tempo si sta lavorando con l’Amm.ne Provinciale per individuare uno spazio idoneo alla realizzazione del nuovo I.S.I.S., non più rinviabile. Da più di 10 anni, la Provincia, insieme al Comune, sta cercando di ottenere in uso spazi del Demanio dello Stato, a suo tempo adibiti a Scuola Allievi della Guardia di Finanza, dismessi oltre 20 anni fa, in condizione attuale di totale degrado. L’Amm.ne Provinciale avrebbe oggi pressochè ottenuto dal Demanio, la cessione di uno degli immobili, sul quale avrebbe previsto un investimento di 4 milioni di euro, che risolverebbe, però, con il mutare dei bisogni, solo in parte, i problemi di spazi dell’I.S.I.S., perché accorperebbe solo i Licei, lasciando nella sede, oggi in parte inagibile, il Professionale e l’Alberghiero.

Il Comune di Portoferraio ha individuato un altro spazio, sufficientemente capiente per costruire ex novo la sede dell’I.S.I.S., fra l’altro in zona adiacente all’altro istituto scolastico superiore presente sul territorio. Manca un progetto preliminare, ma le nuove tecniche di costruzione mi fanno ritenere che con la stessa somma, o poco più, si potrebbe realizzare in tempi relativamente brevi, una sede finalmente idonea e accogliente per i nostri studenti.

Sottolineo che le scuole superiori dell’Isola d’Elba, rappresentano spesso l’unico presidio culturale e di crescita civile e sociale dei nostri giovani provenienti dagli otto Comuni elbani. E’ pertanto evidente quanto sia importante che tale presidio sia riconosciuto come luogo accogliente, idoneo e stimolante la curiosità intellettuale dei ragazzi. Per questo il progetto di una nuova scuola, con un costo indicativo nell’ordine di 4.500.000,00 Euro, appare non più rinviabile.

Sono quindi a richiederTi, sulla base delle suesposte considerazioni, di valutare le nostre richieste, sostenendole con ogni strumento normativo e finanziario possibile. RingraziandoTi anticipatamente per quanto potrai fare per le problematiche dell’Isola d’Elba, porgo i miei migliori saluti.


 

Indietro martedì 11 marzo 2014 @ 12:30 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus