Vento, mareggiate e temporali: due giorni di maltempo

Su Elba e isole allerta meteo della Protezione civile con criticità moderata. Dalla tarda mattinata di oggi fino a domani sera previsti scirocco forte (poi libeccio) fino a burrasca e precipitazioni diffuse. Temperature in aumento

la primavera non arriva

Condividi
La grafica si riferisce a domattina

Altri due giorni di pioggia, mareggiate e vento. E stavolta è proprio l’arcipelago toscano, con la Maremma, l’epicentro del maltempo. La sala operativa unificata permanente della Protezione civile ha diffuso un bollettino che proclama un’allerta meteo, moderata, che interessa anche l’Elba. L’avviso, emesso ieri, è valido dalle 12 di oggi alle 18 di domani. Dalla tarda mattinata si prevedono mareggiate sulle isole e sulle coste esposte allo scirocco. I venti saranno forti con raffiche fino a burrasca.

Le previsioni Lammatoscana per domani prevedono cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni risulteranno più intensi e persistenti sulle zone settentrionali, in particolare su quelle di nord-ovest e a ridosso dei rilievi. Dal tardo pomeriggio di domani si prevede una tendenza a graduale miglioramento a partire dalla costa e dalle zone di nord-ovest, con fenomeni in lento esaurimento. I venti: inizialmente di scirocco, deboli o moderati nell'interno, forti su Arcipelago e costa. Dal pomeriggio rotazione dei venti fino a disporsi da sud-ovest ancora forti (con raffiche di burrasca) sull'Arcipelago e sulla costa, moderati (con raffiche forti) nell'interno. I mari saranno molto mossi, agitati dal pomeriggio-sera a nord dell'Elba con possibili mareggiate lungo la costa centro-settentrionale. Temperature: in ulteriore aumento, più sensibile nei valori minimi.

Indietro domenica 17 marzo 2013 @ 04:44 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus