Con la corsa di sciambere Rio Marina riscopre tradizioni e folklore

Partita in sordina, la manifestazione cresce. L’Associazione Operatori economici, organizzatrice dell’evento in collaborazione con il Comune e la Pro Loco, ringrazia chi ha dato una mano

feste

Foto di Wladimiro Muti

Sul lungomare di Rio Marina, nel giorno di ferragosto si è corsa la 4° edizione della popolare "marcia di Sciambere”, gara podistica in costume (e non), tipica del folklore degli anni ’70 e '80, riproposta per quel ritorno alla tradizione che contraddistingue i festeggiamenti riesi degli ultimi anni. La manifestazione, ripartita in sordina ma oggi sempre più conosciuta eapprezzata, ha contato nell’edizione 2012 numerosi partecipanti, tra cui podisti riesi, elbani e turisti, che - con partenza dalla Terrazza degli Spiazzi - hanno attraversato le vie di Rio e la strada Panoramica del Porticciolo per un percorso circa di 7 km, tra salite, scalinate e tragitti sul mare. Per la prima volta dalla sua riedizione quest’anno, accanto alla classica gara degli adulti, si è svolta una competizione dedicata ai più piccoli, che ha visto una grande affluenza di bambini “marciare” lungo un microcircuito allestito sulla Terrazza degli Spiazzi. L’Associazione Operatori Economici, organizzatrice dell’evento in collaborazione con il Comune di Rio Marina e la Pro Loco, porge un sentito ringraziamento alle associazioni di volontariato – Misericordia, Pubblica Assistenza, Protezione civile - a tutti i volontari che hanno collaborato con gli organizzatori per la buona riuscita dell’evento e ringrazia la Polizia Municipale che ha coordinato la sicurezza, oltre naturalmente a coloro che hanno partecipato alla gara podistica contribuendo così alla riscoperta delle tradizioni e del folklore della Marina di Rio.

Indietro mercoledì 22 agosto 2012 @ 03:39 © Riproduzione riservata

Commenta l'articolo

Attenzione: i commenti sono soggetti a moderazione. Un moderatore deve approvare il commento inserito prima che esso venga visualizzato.

blog comments powered by Disqus